martedì 10 aprile 2012

Recensione: "Il circo della notte" di Erin Morgenstern

Ecco la mia prima recensione! Inizio con un libro veramente stupendo che consiglio a tutti, non per la trama quanto per lo stile di scrittura e l'ambientazione. Io ne sono rimasta incantata...
Ho aggiunto alla recensioni alcune immagini a tema che ho trovato sul web cercando notizie su questo libro, incarnano molto bene lo spirito del romanzo, spero vi piacciano ^_^






Titolo: Il circo della notte
Titolo originale: The night circus
Autore: Erin Morgenstern
Prezzo:18,50€
Pagine: 460
Data di pubblicazione: gennaio 2012
Editore: Rizzoli
Scheda aNobii del libro:
 Voto: 5 stelline

Trama:

Appare così, senza preavviso. La notizia si diffonde in un lampo, e una folla impaziente già si assiepa davanti ai cancelli, sotto l'insegna in bianco e nero che dice: "Le Cirque des Rèves. Apre al crepuscolo, chiude all'aurora". È il circo dei sogni, il luogo dove realtà e illusione si fondono e l'umana fantasia dispiega l'infinito ventaglio delle sue possibilità. Un esercito di appassionati lo insegue dovunque per ammirare le sue straordinarie attrazioni: acrobati volanti, contorsioniste, l'albero dei desideri, il giardino di ghiaccio,.. Ma dietro le quinte di questo spettacolo senza precedenti, due misteriosi rivali ingaggiano la loro partita finale, una magica sfida tra due giovani allievi scelti e addestrati all'unico scopo di dimostrare una volta per tutte l'inferiorità dell'avversario. Contro ogni attesa e contro ogni regola, i due giovani si scoprono attratti l'uno dall'altra: l'amore di Marco e Celia è una corrente elettrica che minaccia di travolgere persino il destino, e di distruggere il delicato equilibrio di forze a cui il circo deve la sua stessa esistenza.

Cosa penso del libro:

Era da parecchio che non mi capitava di tardare il finale di un libro, di desiderare che la storia continuasse il più a lungo possibile, ma con "Il circo della notte" è successo. Una volta arrivata all'ultima pagina ho faticato per frenare la tentazione di vedere se era possibile trovare in rete qualche notizia sulla prossima tappa del circo, perchè mi sentivo disposta ad inseguirlo in capo al mondo, come il più fedele dei reveurs.
Molti lettori descrivono questo romanzo con la parola "onirico", tuttavia questo aggettivo non mi sembra adatto in quanto evoca un qualcosa di confuso, sconnesso e annebbiato, mentre i luoghi descritti dall'autrice sono tutt'ora molto nitidi nella mia mente.

Lo stile è suggestivo e bellissimo. Temevo di incontrare uno stile artificioso e costruito, visto tutto il clamore intorno al libro, invece la sensazione durante la lettura è di essere cullati dalle parole dell'autrice. Si viene trasportati in un luogo magico, in cui gli adulti possono tornare a stupirsi, a sbalordirsi e entusiasmarsi proprio come bambini. Nonostante ciò il circo non è descritto come un luogo di svago rivolto soprattutto ai più piccoli, è anzi un ambiente sofisticato in cui ogni dettaglio è stato studiato nei dettagli e con molto gusto. E lo stile dell'autrice è tanto sofisticato quanto lo scenario da lei creato.


I personaggi non sono molto ben descritti a mio parere, in particolare i due protagonisti. Solo a tratti le loro personalità mi sono arrivate, li ho trovati vaghi e suggenti e per la maggior parte del tempo mi sono apparsi come attori su un palcoscenico meraviglioso, ma poco vivi e partecipi all'azione. Penso che l'effetto sia voluto dall'autrice, dato che è evidente che entrambi partecipano alla sfida che li vede coinvolti in maniera molto passiva: essa è entrata a far parte della loro quotidianità e non sono spinti dal sacro fuoco della competizione, bensì dal desiderio di compiacersi a vicenda. Per quanto io abbia capito com'è nato il loro sentimento, e abbia trovato la loro passione matura e vera, non sono riuscita ad entrare in sintonia con la loro vicenda, e non mi sono appassionata al loro destino. Altri personaggi, come i gemelli e l'orologiaio, mi sono sembrati più originali, vivaci e piacevoli.


In realtà il vero protagonista del romanzo è il circo stesso. Se l'autrice fosse stata più onesta e coraggiosa avrebbe dato un taglio alla storia d'amore e alla sfida, e si sarebbe focalizzata su quelli che erano il suo vero scopo e la sua grande intuizione, ovvero descrivere questo circo meraviglioso, dove ciò che sembra finto è realtà, dove tutto è curato nei minimi dettagli, dove tutto sembra più bello, più interessante e più buono solo per via del contesto in cui si trova.
Mi ha incantata...


La cover è molto bella, all'inizio non la capivo ma una volta finito il libro mi sono resa conto che è anche molto adatta alla trama. Il circo è effettivamente nelle mani di una (anzi due) persone.
Devo ammettere però che le cover della versione Usa sono molto migliori perchè molto più decorate. Dato che la storia parla di un circo, dove la cosa fondamentale è stupire e ammaliare l'osservatore, penso che il grafico italiano potesse e dovesse osare di più con i fronzoli e i ghirigori.


       


Giudizio finale espresso con una bocca affamata:

Possiedo una collezione di bocche abbastanza vasta, non so neanche spiegarmi in perchè, semplicemente mi piacevano e le ho salvate in una cartella. Comunque dato che, com'è ovvio, non ho mai avuto occasione di utilizzarle, ma le trovo tutt'ora molto belle ed espressive, ho pensato che potessero tornar utili per sintetizzare il mio pensiero sul singolo libro. Ci provo!
La bocca adatta a "Il circo della notte" è questa:

 

Una classica espressione stupita che mi ha accompagnata durante tutta la durata della mia "visita" al circo della notte. Un libro adatto a chi vuole sognare ad occhi aperti e lasciarsi trasportare in un luogo che tutti vorrebbero visitare e vivere così come fanno i protagonisti della storia.
Consigliato!


Ovviamente sono curiosissima di leggere le opinioni di tutti!

Avete letto questo libro? Cosa ne pensate? Lo avete in wish list?

Come sapete ho abolito le captcha, quelle fastidiose parole chiave che bisogna inserire quando si lascia un commento, quindi farmi sapere la vostra opinione non vi richiederà che pochi secondi!

Ciao e buone letture!
Fede


4 commenti:

  1. Non centra niente con il post ^^ volevo dirti che qui c'è un premio per te quando vuoi passa a prenderlo ^_^

    http://happyredbook.blogspot.it/2012/04/il-premio-dardos.html

    RispondiElimina
  2. Molto, molto, molto carino!!! Anchio metterei la tua stessa bocca!!! ^-^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo hai già letto? Sì, è un libro speciale...

      Elimina
  3. Mi piacerebbe molto leggerlo.

    RispondiElimina