lunedì 1 luglio 2013

Sfida di lettura "Io leggo italiano" PROGRESSI di Luglio


Ecco qua la discussione in cui inserire, sotto fora di commento, i vostri aggiornamenti di LUGLIO!
La discussione corrispondente su aNobii è QUI.

Innanzi tutto vi ricordo il regolamento QUI, un riassunto dei premi QUI e l'elenco degli iscritti QUI.
Da regolamento chi si iscriverà da ora in poi potrà considerare validi solo i libri letti dal momento dell'iscrizione in poi, comunque direi che c'è ancora tutto il tempo per recuperare!

Dunque per segnalare le vostre letture è sufficiente lasciare un commento, con 2 modalità:

- Se avete un blog o un posto in cui scrivete le vostre recensioni è sufficiente che scriviate TITOLO, AUTORE, un BREVE COMMENTO del libro (giusto per far capire se il libro vi è piaciuto o no) e poi potete lasciare i link alla vostra recensione;

- Se non avete un posto dove scrivete le vostre recensioni allora dovete lasciare un commento con TITOLO, AUTORE e un COMMENTO UN PO' PIU' LUNGO per spiegare se vi è piaciuto il libro e cosa vi è piaciuto.

Non è obbligatorio, ma se avete un sito o blog sarebbe bello se al fondo delle vostre recensioni scriveste che con quel libro partecipate alla sfida "Io leggo italiano" con relativo link, così che magari più persone la conosceranno.

Nei prossimi giorni aggiornerò l'elenco dei libri letti!
A presto
Fede

47 commenti:

  1. eccomi con la recensione di il carnefice un librio di francesca bertuzzi un librio che ho adorato e mi ha lasciato senza diato qui la recensione http://ilibricheleggeely.blogspot.it/2013/07/recensione-del-libro-il-carnefice-di.html

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao, avevi un altro nick prima? Perchè non trovo la tua iscrizione!

      Elimina
  2. Eccomi col terzo volume di una trilogia tutta italiana di dark fantasy:
    http://4ciaccole.blogspot.it/2013/07/pane-vol-3-la-leggenda-degli-uomini-di.html

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao ^^ da regolamento tutti i libri devono essere di autori differenti per cui di questa serie vale solo il primo per te ^^

      Elimina
  3. Caro Luca Bianchini, ho cinquant’anni, quell’età in cui si è giovani per essere vecchi e vecchi per essere giovani; non ho la cellulite, però nemmeno i chili di troppo, e un amore di gioventù non realizzato. Senza coraggio non vado da nessuna parte. Potresti inserirmi nel tuo prossimo libro?
    Scherzo (ma non tanto) e suggerisco con entusiasmo il fantastico IO CHE AMO SOLO TE (Mondadori) per l’acutezza, l’intelligenza, la scaltrezza, la dolcezza, la profondità con la quale mi ha tenuto a galleggiare sulle pagine, mentre assaporavo un talento guareschiano.
    Molto intelligente il finale.
    Letto in due giorni con gran divertimento (cosa rara di questi tempi). Bravo, bravissimo Luca Bianchini. Lo sa ma glielo dico uguale.

    https://www.facebook.com/iocheamosolotelibro?ref=ts&fref=ts

    RispondiElimina
  4. Per questa iniziativa, che seguo da tempo e per la quale ho inserito una pagina apposita nel blog che curo su consigli di lettura, ho sponsorizzato la lettura come elemento ed azione essenziale per tutti.
    Il libro che ho letto con piacere e al quale sono legata per motivi particolari, è L'isola di Arturo di Elsa Morante sullo sfondo di un'isola magica e ricca di storia, personaggio basilare di tutta la storia.
    Questo è il link
    http://letturesenzatempo.blogspot.it/2013/07/un-venerdi-all-insegna-di-iniziative.html
    buon fine settimana
    simonetta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ottimo consiglio ma a quanto ho capito è una rilettura per cui per questa sfida non è valido mi dispiace! Leggi bene il regolamento ^^

      Elimina
    2. non è stata proprio una rilettura ma un condividere due iniziative
      per questo fine settimana inserisco questo link
      http://letturesenzatempo.blogspot.it/2013/07/un-sabato-tutto-italiano-fiabe-italiane.html
      buon sabato
      simonetta

      Elimina
  5. Ecco le mie due ultime letture di autori italiani:
    1-Il primo è "La bambina senza cuore" di Emanuela Valentini, una bella favola dark che consiglio a tutti.
    http://pennadoro.blogspot.it/2013/06/recensione-la-bambina-senza-cuore-di.html

    2-Il secondo è "Una moglie imperfetta" di Sonja Radaelli, una ricerca nell’animo degli uomini.
    http://pennadoro.blogspot.it/2013/07/recensione-una-moglie-imperfetta-di.html

    RispondiElimina
    Risposte
    1. 3- "Fontamara" di Ignazio Silone, una perla incastonata nell'Italia del Sud, è un libro che consiglio a chi è interessato alla questione meridionale:
      http://pennadoro.blogspot.it/2013/07/recensione-fontamara-di-ignazio-silone.html

      4- "Vernice fresca" di Antonio Grassi, è un libro consigliato a tutti coloro che non hanno paura di conoscere ciò che succede tra le pareti dei laboratori di ricerca batteriologica:
      http://pennadoro.blogspot.it/2013/07/recensione-vernice-fresca-di-antonio.html

      Elimina
    2. 5 Con stile semplice ma elegante, le scrittrici riescono a coinvolgere il lettore trascinandolo nella Londra dell’epoca vittoriana. Un libro assolutamente da leggere: "La Lega dei Gentiluomini Rossi" di Federica Soprani e Vittoria Corella
      http://pennadoro.blogspot.it/2013/07/recensione-intervista-la-lega-dei.html

      6 Questo libro, impegnativo, è consigliato a coloro che non temono l’introspezione, che sono pronti a mettere in gioco le proprie certezze leggendo colui che di certezze non ne ha. "Io sto bene" di Rùmi
      http://pennadoro.blogspot.it/2013/07/recensione-io-sto-bene-di-rumi.html

      7 Questo romanzo di formazione è una lettura impegnativa che bisogna assaporare piano piano, pagina per pagina, con calma e attenzione, con partecipazione senza aver fretta di giungere alla conclusione. "Racconti delle Lande Percorse Libro I - come nasce un cavaliere" di Diego Romeo
      http://pennadoro.blogspot.it/2013/07/recensione-racconti-delle-lande.html

      8 Se vi emozionate al volo di una farfalla, leggete questo libro scritto a quattro mani con abile maestria."Black Shadow" di Katherine Keller
      http://pennadoro.blogspot.it/2013/07/recensione-black-shadow-di-katherine.html

      9 Un tuffo nell’amore visto attraverso le sue varie sfaccettature per non arrendersi e lottare per la persona che si ama. "La Pietra dei Sogni" di Antonella Cavallo
      http://pennadoro.blogspot.it/2013/07/recensione-la-pietra-dei-sogni-di.html10

      10 Immersione totale nella quotidianità e nelle contraddizioni dell’essere umano. Ti ringrazio per averlo consigliato :) "Biscotti e sospetti" di Stefania Bertola http://pennadoro.blogspot.it/2013/07/recensione-biscotti-e-sospetti-di.html

      Elimina
  6. Ciao a tutti!
    Ritorno a scrivere delle mie letture in italiano :-)
    La più recente è "Come amare ed essere amati" di Raffaele Morelli.
    Lo psichiatra e il suo staff provano a dare delle "dritte" su come comportarsi nel rapporto di coppia, cosa sia giusto o sbagliato per la propria autostima, cosa ci può aiutare a migliorare noi stessi e, di conseguenza, la nostra relazione affettiva.
    In certi punti mi sono ritrovata, ad es. sul fatto di dare troppo di me al partner.....bisogna trovare il giusto equilibrio, come in tutte le cose.....più facile a dirsi che a farsi, ma si può sempre tentare :-)
    alla prossima lettura!
    Ciao!

    RispondiElimina
  7. Aggiungo alla mia lista Il rumore dei tuoi passi della D'Urbano a cui ho assegnato 3 stelline. In realtà il libro l'ho letto a giugno, ma sono riuscita solo ora a recensirlo! Ecco il link http://www.anobii.com/0134682f7fe228c140/books?searchType=1&itemIdFade=014cabe67e25aebc56

    RispondiElimina
  8. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  9. 9
    Titolo : "Gomorra"
    Autore : Roberto Saviano
    Pagine :373
    Data di pubblicazione : 2006
    Editore : Mondadori
    Trama :
    Libro che è diventato in pochissimo tempo un Bestseller internazionale, caso letterario dell'anno e film di larga diffussione.
    E' un romanzo diviso in quelli che potrebbero essere definiti dei "brevi racconti", ognuno dei quali rappresenta un viaggio all'interno del segretissimo mondo della Camorra. Vengono descritte le abitazioni lussuose e la bella vita dei boss che non solo non vengono denunciati ma vengono "protetti" dall'omertà del popolo campano. Molti i temi affrontati, dall'immigrazione clandestina cinese, ai rifiuti smaltiti illegalmente che ogni anno inquinano sempre di più il territorio, alla vita che conducono i boss e le loro donne. Un libro che voleva essere di denuncia sociale ma che ha sollevato parecchie critiche perchè ha messo in luce una realtà che dovrebbe sparire e invece così potrebbe essere celebrata. Una "realtà" che dovrebbe essere condannata ed immediatamente eliminata, quella cammoristica, ma che ha delle radici profonde sulla nostra terra che solo con la collaborazione di tutte le persone oneste potrà col tempo sparire. Personalmente non mi è piaciuto granchè, è un libro molto forte e alcune scene sono davvero dure da reggere (come la scena del container pieno di cadaveri cinesi). Non lo consiglio, leggerlo è stato come pescare e rimestare nel torbido.

    RispondiElimina
  10. Sull’Unità d’Italia sarebbe interessante conoscere il reale parere dell’uomo comune che da Sud a Nord si trova a vivere nel paese (Belpaese?) che ci hanno consegnato coloro che da sempre fanno la storia.
    Tuttavia se un piemontese regala a una napoletana un libro che, la storia, la riconsegna ai Borboni, non tutto fu sbagliato.
    Certo, tanti errori, tanta manipolazione, tanta violenza: tanti chilometri, tanta speranza, tanti ideali; tanta forza e tanta debolezza; di sicuro poche camicie rosse a fronte di molte uniformi: solo questo farebbe pensare. Infatti ci ha pensato Gianni Oliva (un autore nato a Torino, è il caso di sottolinearlo) nel suo saggio UN REGNO CHE È STATO GRANDE - sottotitolo: La storia negata dei Borboni di Napoli e Sicilia.
    Non è un saggio che si legge come un romanzo, il che sarebbe alla portata di tutti, né la verve dell’introduzione si riscontra poi nel prosieguo del testo dove, anzi, sembra che l’autore tenga a distanza l’entusiasmo verso l’opera e indossi panni più cattedratici; tuttavia è un libro che si fa leggere con attenzione e rinnovata curiosità verso quegli avvenimenti; la disamina dei cinque sovrani borbonici, dei loro comportamenti e delle situazioni, delle mogli, alcune delle quali tanta parte ebbero nel governo delle Due Sicilie, è scrupolosa e onesta, direi imparziale, come è giusto che sia.
    Certo, la storia andrebbe riletta oggi, e un nuovo capitolo scritto in tandem da un Sud non più considerato una mantenuta e un Nord non più usurpatore.
    Però… e se invece fosse stata tutta colpa di Anita? Immaginiamo che ella non avesse armi sensuali tali da tenersi il suo Peppino stretta a sé e che quegli, insoddisfatto e insonne, un bel giorno decide che gli ci voleva un’altra donna. Imbracciato il fucile, andò eroicamente a farsi l’Italia! Perché no?
    http://www.ibs.it/code/9788804625865/oliva-gianni/regno-che-e-stato.html

    RispondiElimina
  11. Mi piacciono i libri che non hanno niente da dividere con la mia vita, ma che mi piacerebbe l’avessero; mi piacciono i libri che mi riportano indietro nel tempo e, se possibile, a luoghi che conosco; mi piacciono i libri che pongono l’accento su problemi – anche fisici – di cui si parla poco o niente. Naturalmente mi piacciono le storie sentimentali, purché non siano stucchevoli e cerimoniose, mi piacciono gli amori e i ricordi che non finiscono mai perché so che davvero esistono, mi piace quella lacrima timida, cauta, che si affaccia sull’ultima pagina e infine mi piacciono gli uomini sensibili e gli autori intelligenti che dimostrano la loro onestà intellettuale.
    Ecco, questo TI VOLEVO DIRE (Rizzoli), di Daniele Bresciani.

    http://www.ibs.it/code/9788817064316/bresciani-daniele/volevo-dire.html

    RispondiElimina
  12. per luglio io inserisco Biscotti al malto fiore per un mondo migliore di Laura Sandi.
    ecco la recensione anobiiana:
    La trama prometteva bene, è scritto in modo abbastanza ricercato ma piacevole.
    Con il dipanarsi della storia, però, non succede granchè, rimane sempre un pò ferma...
    I personaggi sono interessanti ma si poteva fare di meglio.

    RispondiElimina
  13. L’ho letto per un equivoco.
    Perché l’amico con cui principalmente scambio titoli, consigli di lettura e pareri ne stava leggendo uno omonimo, ma di altro autore, editore locale e per adulti (mi aveva detto solo il titolo), mentre questo è per 13enni in su. La straordinarietà dello spiegare la storia che in passato ho trovato in libri destinati al pubblico giovanile e quella dell’autore – Carlo Lucarelli – me lo hanno fatto leggere in un attimo (è peraltro breve): con curiosità e ansia, per il periodo e i fatti narrati; con ammirazione per come sono miscelate fantasia e Storia (e chissà che non sia una storia vera); con gioia, per la musica che accompagna – e sembra di sentirla – dalla prima all’ultima pagina de IL TRILLO DEL DIAVOLO (EL).
    http://www.ibs.it/code/9788847717701/lucarelli-carlo/trillo-del-diavolo.html

    RispondiElimina
  14. Già dallo sguardo furbetto e dal sorriso (finto) timido del monello che c’è in copertina, LE TRE MINESTRE di Vitali ispira una grande simpatia. Simpatia che si riconferma nei personaggi e nei comportamenti delle zie Colomba, Paol(in)a e l’altra non me la ricordo, ministre del magico Regno delle Tre Minestre, dove non sono mai mancati ascolto, aiuti e consigli – anche geniali – all’allora giovane autore. Ma neanche oggi che, immaginando quel regno sopra i ciottoli del lago a lui tanto caro, sostiene di credere ancora nella favole.
    E fa bene, perché è una bella fiaba – la realistica fiaba della vita - quella che regala a noi lettori con questo libro intimistico, memorialistico, diaristico… chiamatelo come volete. Sicuramente gustosissimo: riso e prezzemolo incluso, checché Vitali ne dica, e – qui concordo – casseoula esclusa (non mi lapidino i milanesi: sono referenziata, mio marito è milanese).
    http://www.ibs.it/code/9788837093761/vitali-andrea/tre-minestre.html

    RispondiElimina
  15. Ho letto e recensito La piccola equilibrista di Stefano Vignati. È stata una lettura piacevole e devo dire che ha ribaltato l'idea iniziale che mi ero fatta sulla trama. =) http://liuscadream.blogspot.it/2013/07/8-stefano-vignati-la-piccola.html

    RispondiElimina
  16. Ciao!
    Aggiorno le mie letture con "ALICE NEL PAESE DELLA VAPORITA'" di Francesco Dimitri.
    Il libro appartiene al genere fantasy e non ne avevo ancora mai letto uno.....certo, non è il mio genere preferito, ma mi piace allargare le mie conoscenze.
    Diciamo che, inizialmente, la storia è anche carina, originale, in certi momenti coinvolgente; poi, la trama smarrisce quell'entusiasmo iniziale e si fa più complessa e meno avvincente, un po' pesante per la ripetizione di tanti concetti legati alla Steamland, ossia quel mondo fantastico che circonda una Londra futuristica. La protagonista, Alice, ha poco in comune con l'eroina di Lewis Carroll, ma prende spunto dalla "sindrome di Alice nel paese delle meraviglie" che è proprio una patologia. Leggiamo la storia di Alice attraverso gli occhi di Ben, il ragazzo affetto da questa sindrome, il quale avrà un ruolo importantissimo verso la fine del libro, quando si scoprirà cosa ha in comune con Alice....ovviamente, non lo dico per non guastare la sorpresa a chi vorrà leggere il libro :-)
    Alla prossima lettura!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dicono che l'ultimo romanzo di Dimitri sia molto superiore a questo, si chiama "L'età sottile" e io non vedo l'ora di leggerlo!
      Fai bene a voler allargare i tuoi orizzonti, si possono fare belle scoperte ^^
      Ciao!

      Elimina
  17. A luglio ho letto il mio quarto italiano:

    Lo specchio del male / Davide Simon Mazzoli

    Un bel thriller, originale, diverso dal solito, avvincente, coinvolgente. Ad un certo punto tira anche fuori un tema non facile, e riesce a trattarlo lasciando intatto il cinismo di Orazio, il protagonista. Insomma, una lettura soddisfacente!

    RispondiElimina
  18. eccomi anche qui con la recensione di la lama del rasoio di massimo lugli che mi è piaciuto tantissimo qui troverete la recensione completa http://ilibricheleggeely.blogspot.it/2013/07/recensione-la-lama-del-rasoio-massimo.html

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao, scusa ma non riesco a trovarti tra i partecipanti, con quale nick ti sei iscritta? Fammi sapere!

      Elimina
    2. Per ora ti ho inserita come nuova iscritta ^^

      Elimina
  19. Luigi Pirandello - Uno, nessuno e centomila.
    Mi è piaciuto abbastanza =)
    http://liuscadream.blogspot.it/2013/07/9-luigi-pirandello-uno-nessuno-e.html

    RispondiElimina
  20. Gaia Rayneri - Pulce non c'è.
    Un libro piacevole, anche se prometteva bene.
    http://liuscadream.blogspot.it/2013/07/10-gaia-rayneri-pulce-non-ce.html

    RispondiElimina
  21. M. De Giovanni - Il senso del dolore.
    Commento: "Cercavo un giallo e ho trovato letteratura.
    Un tenore famoso viene ritrovato cadavere nei camerini del teatro San Carlo di Napoli. Era una persona orrenda ed erano in molti a volerlo morto.
    Ad indagare sul delitto e a risolverlo, il commissario Ricciardi, infelice e taciturno, che sente le voci dei morti e cerca per loro una giustizia terrena.
    I personaggi sono tutti molto belli e autentici e quando ho finito il romanzo mi è spiaciuto separarmene."

    RispondiElimina
  22. Ho un libro Letto a Giugno

    Di me Diranno che ho ucciso un angelo di Gisella Laterza
    http://stellenelliperuranio.blogspot.it/2013/06/recensione-di-me-diranno-che-ho-ucciso.html
    Una favola che mi ricorda tanto il piccolo Principe!

    Per Luglio ho

    1)La decima Musa di Francesco Falconi
    http://stellenelliperuranio.blogspot.it/2013/07/recensione-la-decima-musa-di-francesco.html
    molto originale anche questo secondo volume che conclude la duologia anche se ho amato di più il primo

    2) L'innocenza del peccato di liliana Marchesi
    http://stellenelliperuranio.blogspot.it/2013/07/recensione-linnocenza-del-peccato-di.html
    il volume centrale della trilogia è palesemente un libro di Transizione

    3) L'Ordine della Croce di Virginia de Winter
    http://stellenelliperuranio.blogspot.it/2013/07/recensione-lordine-della-croce-di.html
    Ho amato ogni libro della serie e questo no fa eccezione! meraviglioso!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao! Quello della Marchesi non vale perchè vale un solo libro per autore in ogni caso sei arrivata a 20 (numero massimo di libri validi per la sfida) e quindi brava, hai finito!

      Ovviamente mi fa piacere se continuerai ad aggiornare, sono curiosa di scoprire quali altri italiani leggerai e soprattutto cosa te ne parrà! Ciao ^^

      Elimina
  23. Ultimo aggiornamento Stefania 1: libro n. 14 "La mia 'ndrangheta" Rosy Canale e Emanuela Zuccalà. Recensito qui: http://libri-stefania.blogspot.it/2013/08/la-mia-ndrangheta-rosy-canale-emanuela.html.
    Qui il riassunto di tutte le mie letture italiane:
    http://libri-stefania.blogspot.it/2013/01/anchio-leggo-italiano-o-almeno-ci-provo.html

    RispondiElimina
  24. durante il mese di luglio ho letto
    http://letturesenzatempo.blogspot.it/2013/08/sfida-di-lettura-io-leggo-italiano.html
    coinvolgente ironico ...
    saluti e buon caldo
    simonetta

    RispondiElimina
  25. Di me diranno che ho ucciso un angelo di Gisella Laterza
    http://liuscadream.blogspot.it/2013/08/12-gisella-laterza-di-me-diranno-che-ho.html

    Una lettura piacevole che riempie di emozioni =)

    RispondiElimina
  26. 10
    Titolo : Un amore rosa shokking
    Autore : Rossella Canevari
    Pagine : 203
    Data di pubblicazione : 2008
    Editore : Newton Compton Editori
    Trama:
    Questo libro racconta le storie di più personaggi che si intrecciano tra loro abbiamo: Sofia, una mamma single che si divide tra il lavoro di gestione del suo asilo nido nella Milano dei giorni nostri e la cura della sua bambina, Maya; Momo, un giornalista quarantenne che si prende cura della sua "bambina" Valentina, una ragazza piena di sogni che ha 17 anni e vuole sfondare nel mondo della tv sfruttando anche i contatti che la "nuova amica" di papà ha in quel mondo e che altri non è che Sofia. Una storia briosa, una lettura da sotto l'ombrellone, per niente impegnativa. Onestamente ho trovato questo romanzo abbastanza banale anche se alcuni temi, come ad esempio quello delle donne in carriera e delle madri extracomunitarie che cercano lavoro in Italia, potevano risultare molto interessanti se maggiormente approfonditi. Fastidioso il continuo citare pezzi di testi delle canzoni per scandire le emozioni, da una scrittrice ci sia aspetta che sappia trasmettere al lettore le emozioni dei propri personaggi senza citare Fabri Fibra o Marylin Manson..Non lo rileggerei un'altra volta ma in mancanza di altro ho passato un paio di ore.

    RispondiElimina
  27. scusa adesso che sono arrivata a quota 10 cosa succede?? se inserisco altre recensioni prendo punti o no?? forse hai cambiato le regole ma così non mi sono molto chiare.. puoi spiegarmi meglio come funziona? se leggo altri 10 libri da qua a dicembre che succede? quante volte verrà inserito il mio nome??

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, prendi punti per tutti i libri fino al 20esimo.
      Il tuo nome viene inserito 1 volta per aver letto 1 libri e poi 1 volta per ogni libro successivo al 10 fino al 20. Quindi massimo 11 volte per questa modalità. Altri punti si ottengono con le sfide bimensili e invitando altri sfidanti attivi.

      Elimina
  28. Finalmente trovo il tempo per postare due parole su alcuni degli ultimi libri letti. In questo post L'isola che non si vede parlo della mia scrittrice sarda preferita, di cui a luglio ho letto "Ave Mary" e "L'ho uccisa perché l'amavo.Falso!". Quest'ultimo scritto a quattro mani con la Lipperini, di cui a marzo avevo letto anche "Di mamma ce n'é più d'una" che credo d'aver dimenticato di aggiungere a suo tempo fra i progressi. Vale ancora? Comunque ne parlavo in quest'altro post Un fiore, una canzone e dei libri per la Festa della donna .

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certo, vale anche il libro letto a Marzo tuttavia non è valido "L'ho uccisa perchè l'amavo. Falso!" Perchè è valido un solo libro per ogni autore. Ciao!

      Elimina
  29. In queste ultime due settimane mi sono dedicata alla lettura dell'intera saga di Black Friars..ce l'avevo da molto in wishlist, ma mi sono decisa solo ora a leggerla. Mi ha completamente conquistata: i personaggi sono simpaticissimi, l'ambientazione molto suggestiva, lo stile molto ricercato e le descrizioni dettagliate. I libri sono quattro, ma se ho capito bene posso inserire un solo libro per autore...quindi ecco la mia recensione del primo libro:
    http://www.goodreads.com/review/show/558762652

    RispondiElimina
  30. Ciao!
    Rieccomi ad aggiornare le mie letture.
    Ho appena finito "I bastardi di Pizzofalcone" di Maurizio De Giovanni, scrittore di noir che si sta affermando in questi ultimi anni.
    Sono stata alla presentazione di questa sua ultima fatica e devo dire che è divertente ascoltare quanto ha da dire su Napoli, la sua città e anche quella del libro, e sul personaggio principale: l'ispettore Lojacono. Viene trasferito nel commissario di Polizia della zona di Pizzofalcone, a Napoli, assieme ad altri investigatori considerati "scomodi" nei loro precedenti uffici.
    Tutto nuovo, quindi, ma non fanno nemmeno in tempo a conoscersi che subito avviene uno strano omicidio: la moglie di un noto notaio viene uccisa,colpita in testa con una boule de neige, una di quelle palle di vetro con la "neve", che quando viene agitata, cade copiosa. E' proprio l'ispettore Lojacono, assieme al bizzarro agente Aragona, ad occuparsi delle indagini tra il lungomare e i circoli nautici in una Napoli stranamente colpita da un temporale pazzesco.
    Nel frattempo, gli altri agenti si occupano del caso di una ragazza appena diciottenne tenuta segregata da un uomo anziano e geloso.
    La cosa che mi è piaciuta di più, oltre alla trama, è il modo di raffigurare i personaggi: ognuno di loro ha una storia, anche complessa, che l'autore ci fa scoprire piano piano, rendendoli umani, vicini a noi e pure simpatici. Un noir anche divertenete per certi versi che consiglio di leggere.
    Alla prossima lettura!

    RispondiElimina
  31. ecco il sedicesimo e l'ho trovato splendido!

    Recensione di ‘Come il vento tra i capelli’ di Lorenza Bernardi


    Una storia travolgente come il profumo dell’estate, una vita intrisa di ricordi indimenticabili ambientata nella seconda guerra mondiale.
    Sono rimasta letteralmente affascinata da questa autrice italiana che trovo veramente in gamba.
    Una trama ben costruita, accuratamente strutturata, descritta deliziosamente e pervasa dalle dolcissime note di una fragranza indissolubile.
    Tutto inizia nel 1999, partendo dal protagonista Mathieu Morin, ora un anziano ex fantino dall’aria persa e sconsolata, forse alla disperata ricerca di qualcosa di importante che ha perso per sempre: egli è alle prese con una gara d’asta, dove farà di tutto per aggiudicarsi una vecchia bicicletta dal manubrio a forma di esse e dall’aria veramente scassata.
    Ma alla fine un altro astuto e ben più ricco acquirente gli soffierà quel prezioso oggetto, rifugio di chissà quali importanti e immortali ricordi di un passato che non potrà più tornare.
    Il romanzo poi rivive un flashback del passato fino a toccare il periodo dello scoppio della seconda guerra mondiale e il suo sviluppo nel Sud della Francia e sugli altri fronti.
    Sarà proprio a Clocher Sur Mer, perla del paesaggio francese, dove accadrà tutto. Lì nasceranno i primi dolci momenti di un’estate intrisa di una forte e profonda amicizia tra Alix, nipote della contessa Chamboissier e Mathieu, il figlio maggiore dei Morin, fidata famiglia a servizio della contessa.
    Ma l’arrivo del fratello della contessa e di sua nipote Alix cambierà tutto e nascerà pian piano una deliziosa amicizia, che attraverso la forzata lontananza negli anni dovuta all’arrivo della guerra e a causa del comportamento odioso e perentorio del padre di Alix, riuscirà a trasformarsi in un legame senza eguali. Un amore adolescenziale fatto soltanto dal puro sentimento di due cuori che si sentono felici in un’anima sola. Tanti attimi e momenti trascorsi insieme su quella bicicletta, vera testimone di quel reciproco e irrinunciabile bisogno l’uno dell’altra.
    L’autrice ha saputo intercalarsi anche nei personaggi secondari, davvero indispensabili nello svolgersi di questa storia così autentica. Per non parlare dell’ azzeccata ambientazione della Francia che rende tutto molto più romantico e palpabile attraverso gli odori della campagna circostante trasformati nelle deliziose fragranze che la contessa crea attraverso i suoi sogni di profumiera.
    E la sua amata passione chissà se un giorno verrà davvero portata avanti dalla cara nipote?
    Solo il tempo lo dirà, ma gli eventi si susseguiranno portando il triste momento di una dolorosa separazione.
    Ma un grande amore anche se interrotto, può restare ugualmente immortale.
    E poi con un tuffo di nuovo al presente, Mathieu riuscirà a ritrovare l’acquirente della sua cara bicicletta e a riaverla indietro?
    E nonostante il tempo non gli abbia più dato notizie del suo antico amore, questo forte legame riuscirà a vincere il passato e a riscrivere il presente?
    Una lettura davvero splendida e rilassante, che nell’antica beatitudine del saper amare riesce a farti battere il cuore attimo dopo attimo.

    Francesca Ghiribelli.

    RispondiElimina
  32. Ho aggiornato i libri letti da ciascuno di voi --> http://lafedelibrovora.blogspot.it/2013/01/sfida-di-lettura-io-leggo-italiano_22.html

    E aperto una discussione per il mese di Settembre, da ora aggiornate lì grassie ^^ --> http://lafedelibrovora.blogspot.it/2013/09/sfida-di-lettura-io-leggo-italiano.html

    RispondiElimina
  33. Sono in grande ritardo ma ecco il mio poso su uno dei libri che mi ero ripromessa di leggere nel mese di agosto
    qui il link http://letturesenzatempo.blogspot.it/2013/09/io-leggo-italiano-sfida-di-lettura.html
    se vi è qualche problema fammelo sapere
    con simpatia
    simonetta

    RispondiElimina
  34. Agosto va qui giusto? :3
    Volevo segnalare - un po' in ritardo - che ho letto La discendente di Tiepole di Alessandra Paoloni. Non male, però non mi ha convinta del tutto... mi aspettavo di più!

    RispondiElimina