martedì 2 aprile 2013

Sfida di lettura "Io leggo italiano" PROGRESSI di Aprile



Ecco qua la discussione in cui inserire, sotto fora di commento, i vostri aggiornamenti di APRILE!
La discussione corrispondente su aNobii è QUI.

Innanzi tutto vi ricordo il regolamento QUI, un riassunto dei premi QUI e l'elenco degli iscritti QUI.
Accanto ad ogni nome troverete anche il numero di libri letti fino al 28 Febbraio (quelli comunicati o qui sul blog o su aNobii QUI)
Da regolamento chi si iscriverà da ora in poi potrà considerare validi solo i libri letti dal momento dell'iscrizione in poi, comunque direi che c'è ancora tutto il tempo per recuperare!

Dunque per segnalare le vostre letture è sufficiente lasciare un commento, con 2 modalità:

- Se avete un blog o un posto in cui scrivete le vostre recensioni è sufficiente che scriviate TITOLO, AUTORE, un BREVE COMMENTO del libro (giusto per far capire se il libro vi è piaciuto o no) e poi potete lasciare i link alla vostra recensione;

- Se non avete un posto dove scrivete le vostre recensioni allora dovete lasciare un commento con TITOLO, AUTORE e un COMMENTO UN PO' PIU' LUNGO per spiegare se vi è piaciuto il libro e cosa vi è piaciuto.

Non è obbligatorio, ma se avete un sito o blog sarebbe bello se al fondo delle vostre recensioni scriveste che con quel libro partecipate alla sfida "Io leggo italiano" con relativo link, così che magari più persona la conosceranno.

Se ve la siete persa vi rimando alla "Sfida nella sfida" di Marzo/Aprile QUI.
Avete ancora tempo tutto APRILE per leggere uno dei due libri da me proposti per avere un punto in più!
QUA trovate qualche consiglio per le vostre letture a tema!

Buona letture!
Fede

40 commenti:

  1. Eccomi, come di consueto, con l'aggiornamento delle mie letture fatte a marzo.
    Ti volevo chiedere una cosa. Poco fa sono andata a vedere nella lista degli iscritti in cui hai detto che le letture sono aggiornate al 28 febbraio, ho cercato il mio nome e ho visto che di fianco compaiono solo 5 letture, sono certa di averne fatte di più. Ma non è un problema, i miei commenti con le recensioni sono ben visibili e so che non ti sono sfuggiti perché li hai commentati entrambi :)

    Le mie letture italiane di marzo:
    Memoria di Leonardo Patrignani: ero rimasta affascinata da questa storia, già con il primo capitolo della serie. Ma con Memoria, Patrignani si riconferma un grande autore, con moltissima fantasia e originalità, e una grande passione.

    E se la pioggia va in vacanza di Elisa Vagnarelli: un libro illustrato carinissimo, la sua storia è molto reale e importante, ma viene raccontata al lettore in modo dolce e gentile, anche al lettore più adulto e "vissuto".

    Albion di Bianca Marconero: uno dei migliori libri letti quest'anno. Albion mi ha appassionato e catturato completamente. La storia è originale e ben scritta, studiata nei minimi dettagli, dalle ambientazioni ai personaggi, dalle scene d'azione alle emozioni. Bello bello bello!

    Latte acido di Rossella Luongo: un libro che mi ha deluso molto. Non è riuscito ad emozionarmi, non mi ha catturato mai. Ho provato noia e molta confusione durante la lettura. Un vero peccato perché le idee base promettevano molto bene.


    Ecco qui, ho finito, anche questo mese sono riuscita a leggere 4 libri di autori italiani, e non pensavo... Credevo di averne letti meno :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certo, l'altra volta avevi commentato l'1 Marzo quindi i nuovi letti non comparivano nell'aggiornamento del 28 Febbraio ^_^
      Tra poco aggiornerò i risultati e questa volta conterò anche questo commento.
      Ciao

      Elimina
  2. Ciao Fede, domanda: i romanzi letti a marzo e che recensirò nel corso di aprile non sono validi, vero? (mi sono iscritta il 27 più o meno). Quelli che leggo ad aprile e che recensirò nel corso del mese corrente invece? I'm confused @_@

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I libri di Aprile valgono, ovviamente, ma per Marzo valgono solo quelli finiti dal giorno in cui ti sei iscritta in poi, indipendentemenete da quando li recensirai, ok?
      Ciao ^_^

      Elimina
  3. Mi sa che il mese scorso mi sono dimenticata di inserire la recensione per La promessa del leone di Chiara Cilli! Questa autrice non è affatto male e il libro l'ho trovato carino e originale :)

    RispondiElimina
  4. Recensione appena sfornata per Albion di Bianca Marconero che ho davvero apprezzato e di cui attendo il seguito :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Parlate tutti bene di Albion, mi fate venir voglia di leggerlo!

      Elimina
  5. Striges - La promessa Immortale - Barbara Baraldi
    http://www.goodreads.com/review/show/550088068

    Libro molto carino, l'idea di base mi è anche piaciuta, peccato che si perda nel solito amore impossibile.
    Se veniva approfondite due o tre cosette, sarebbe stato un bellissimo libro!

    RispondiElimina
  6. Ciao! Aggiornamento delle mie letture :-)
    Ho finito di leggere "ANALISI DEL FILM" di Francesco Casetti e Federico Di Chio, edito da Bompiani.
    Piace a tutti vedere un bel film, gustarne l'essenza, divertirsi o commuoversi, immedesimarsi nei personaggi.....e, proprio come un racconto o un oggetto, anche un film può essere analizzato, scomposto e ricomposto per comprenderlo pienamente, per individuarne le dinamiche e i movimenti.
    Così, pagina dopo pagina, gli autori ci propongono una serie di schemi in base ai quali riuscire a "scansionare" un film e ad individuare gli elementi, i segni e i codici che lo compongono.
    Potrebbe sembrare un libro noioso o adatto ai critici cinematografici, ma non è così: è scorrevole, semplice nelle definizioni, assolutamente alla portata di ogni appassionato o semplice curioso che si chiede "come nasce un film?". Lo spiegano gli autori, docenti universitari e grandi esperti di media audiovisivi.
    Dal libro: "L'analisi di un film, pertanto, non è semplicemente la decifrazione anodina di un testo, ma è anche l'esibizione e la valorizzazione di un proprio modo di accostarsi al cinema".
    Alla prossima lettura!

    RispondiElimina
  7. 9/10 Il profumo delle bugie di Bruno Morchio.

    Una via di mezzo tra Beautiful e Natale a casa Cupiello, un po' fa sorridere ma niente di che....
    Una saga familiare con personaggi stereotipati che non danno niente e si dimenticano in fretta. L'unico pregio del libro è la velocità con cui sifa leggere.

    RispondiElimina
  8. Eccomi con un nuovo libro
    L'Origine del peccato - Liliana Marchesi
    http://www.goodreads.com/review/show/562500046

    Un libro fantasy davvero originale, fino ad ora non avevo mai letto niente sulla storia di Adamo e Eva, cosi rielaborata e in chiave fantasy, !!! Bello bello!!

    RispondiElimina
  9. Albion - Bianca Marconero
    http://www.goodreads.com/review/show/567805938

    Un altro fantasy molto originaleeee!!! bellissimooo!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo voglio leggere anch'io accidenti... ^_^

      Elimina
  10. Eccomi!
    uuuh! com'è tiranno il tempo!
    Eccomi con Guida alla vita Laica di Roberto Anzellotti, edito da Neo:

    http://4ciaccole.blogspot.it/2013/04/guida-alla-vita-laica.html

    Stavolta si tratta di una piccola guida, con informazioni davvero notevoli.
    Buona lettura
    Barbara

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Accidenti, di una guida così avrei un gran bisogno anch'io!

      Elimina
  11. ti scrivo le letture di marzo e prima metà di aprile

    1) Touched di Eisa S. amore
    http://stellenelliperuranio.blogspot.it/2013/03/recensione-touched-di-elisa-s-amore.html
    ha dei buoni spunti ma necessita di un buon lavoro di editing

    2) L'origine del peccato di liliana Marchesi
    http://stellenelliperuranio.blogspot.it/2013/03/recensione-touched-di-elisa-s-amore.html
    un modo originale di vedre il peccato originale, decisamente mi è piaciuto più l'inizio che la seconda parte!

    3)Cristina di Morval. la riconquista di luana semprini
    http://stellenelliperuranio.blogspot.it/2013/03/recensione-cristina-di-morval-la.html
    libro conclusivo di una serie adatta alle giovanissime

    4)Come into my wonderland di Isabel c. Alley
    http://stellenelliperuranio.blogspot.it/2013/04/recensione-in-anteprima-come-into-my.html
    racconto spin-off che mi ha fatto battere il cuore per Lorenzo

    5) Striges di barbara Baraldi
    http://stellenelliperuranio.blogspot.it/2013/04/recensione-striges-di-barbara-baraldi.html
    E' più un romanzo d'amore che un libro sulle streghe e lascia ben presagire per il seguito

    RispondiElimina
    Risposte
    1. mi è partito l'invio

      6) La bambina senza cuore di Emanuela valentini
      http://stellenelliperuranio.blogspot.it/2013/04/recensione-la-bambina-senza-cuore-di_12.html
      viene descritta come una fiaba dark ma è una storia sul coraggio e l'amore in tutte le sue declinazioni

      Elimina
  12. 10/10 – T-shirt, il tatuaggio di stoffa, Spuri

    Qualche aneddoto simpatico, bellissimo il collage di fotografie che ripercorre la storia delle t-shirt! Se non ci fossero state quelle di Totti gli avrei dato tre stelle!!!
    Italians do it better

    RispondiElimina
  13. 11/10 – Alice nell’ombra, Barbara Garlaschelli

    Alice di Barbara Garlaschelli non vive nel paese delle meraviglie, ma in una villa soffocante, claustrofobica. Prigioniera di una madre ostile e di un amore asfissiante. Alice ad un certo punto prende coscienza di se, della sua vita e di ciò che vuole.

    Rivoglio tutti i cappelli che ho gettato in questi anni.
    Rivoglio il tempo che mi hanno portato via.
    Rivoglio.

    A volte però è troppo tardi sperare di poter essere felici!
    Iniziato questa mattina prima di arrivare in ufficio e finito questa sera. L'ho divorato, assaporando ogni pagina, ogni riflessione di Alice bambina prima e adulta poi. Quanta rabbia, quanta pena per questa donna che non è mai riuscita ad essere protagonista della sua vita e che troppo tardi ha deciso di aprire gli occhi e lottare!

    RispondiElimina
  14. Non mi ricordo dove ero arrivata ad aggiornare qui sul blog, quindi faccio un piccolo riassuntino!
    Dall'inizio della sfida ho letto 3 libri: La collina più alta / Sara Aldegheri, Il barone rampante / Italo Calvino e Il deserto dei tartari / Dino Buzzati.
    Quest'ultimo è la mia lettura di aprile.
    Questo romanzo rispecchia in pieno quella che io penso sia la definizione di classico: nonostante parli di avvenimenti che non potrebbero essere più lontani da me, il libro comunque parla di me. Questa è secondo me la sempiterna attualità che rende un libro un grande classico. Leggere questo romanzo non è stato facile, ma nonostante la tristezza che mi ha trasmesso, nel complesso mi ha lasciato un ricordo positivo. Forse solo perché mi ha dato la consolazione di scoprire che la mia situazione non è poi così inusuale (come si suol dire, mal comune mezzo gaudio!), non so, fatto sta che la lettura è stata senz’altro piacevole!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Una lettura intensa per cui sicuramente troverò il momento adatto in futuro...

      Elimina
    2. Ne vale senz'altro la pena! :)

      Elimina
  15. 6
    Titolo: Il giorno della civetta
    Autore: Leonardo Sciascia
    Pagine: 137
    Data di pubblicazione: 1961
    Editore: Enaudi
    Trama:
    Questo libro scritto nel 1961 da Leonardo Sciascia tratta del tema spinoso e delicato della Mafia, e lo fa quando questa era protetta non solo dai mafiosi, dai politici corrotti e dall'omertà degli stessi siciliani ma anche in un momento nel quale la gente si chiedeva se davvero esistesse la mafia o fosse solo qualcosa d’inventato.
    Il romanzo di apre con l'uccisione di Salvatore Colasberna, un muratore che aveva aperto una cooperativa, in piazza Garibaldi nei pressi di un autobus che stava per partire. Sulla sua morte varie sono le lettere anonime che arrivano in commissariato e le piste che si possono seguire ma quella più plausibile e battuta è quella di stampo mafioso.
    Il bigliettaio dell’autobus dopo aver visto Colasberna morire chiama i carabinieri e al loro arrivo tutta la gente presente si volatilizza restando solo il bigliettaio e l'autista che sono molto reticenti nel fornire le risposte in pieno clima omertoso.
    Le indagini vengono affidate al capitano Bellodi, comandante della compagnia dei Carabinieri, originario di Parma, ex partigiano, che ama la Sicilia pur odiando il clima di omertà che caratterizza questa terra e i suoi abitanti.
    Intanto i capi mafia coinvolti nella vicenda, che hanno importanti agganci a Roma nell’ambito politico, cercano di far rispedire al nord Bellodi, che a detta loro “si sta impicciando in affari che non lo riguardano”.
    La vicenda si snoda tra indagini ed interrogatori, personaggi che emergono e ricostruzioni delle storie che si intrecciano.
    Famosissimo è il colloquio tra Don Mariano Arena e il Capitano Bellodi, in questo brano Sciascia ci dà la definizione del termine “quaquaraquà”, facendo pronunciare al mafioso un discorso nel quale specifica che lui sa qual è la differenza tra chi è uomo e chi non lo è :

    "Io ho una certa pratica del mondo; e quella che diciamo l’umanità, e ci riempiamo la bocca a dire umanità, bella parola piena di vento, la divido in cinque categorie: gli uomini, i mezz’uomini, gli ominicchi, i (con rispetto parlando) pigliainculo e i quaquaraquà… Pochissimi gli uomini; i mezz’uomini pochi, chè mi contenterei l’umanità si fermasse ai mezz’uomini… E invece no, scende ancor più giù, agli ominicchi: che sono come i bambini che si credono grandi, scimmie che fanno le stesse mosse dei grandi…E ancora più giù: i pigliainculo, che vanno diventando un esercito… E infine i quaquaraquà: che dovrebbero vivere come le anatre nelle pozzanghere, chè la loro vita non ha più senso e più espressione di quella delle anatre… Lei, anche se mi inchioderà su queste carte come un Cristo, lei è un uomo…"

    Questo romanzo è uno di quelli che portarono a Sciascia tutta la fama e la celebrità che merita, in solo 130 pagine, infatti lo scrittore riesce a far calare perfettamente il lettore nella realtà siciliana di un piccolo paesino, a far immedesimare tutti in questo giallo e a tratteggiare con estrema precisione e maestria i personaggi. Lo consiglio vivamente.

    RispondiElimina
  16. - Sull'Orlo del vespro di Amina Havet
    http://stellenelliperuranio.blogspot.it/2013/04/recensione-sullorlo-del-vespro-di-amina.html
    un libro simpatico e senza troppe pretese

    - La maledizione di Ondine di valentina Barbieri
    http://stellenelliperuranio.blogspot.it/2013/04/recensione-la-maledizione-di-ondine-di_22.html
    un libro studiato, con una grande ricerca, scorrevole, che incanta sui fenomeni paranormali

    RispondiElimina
  17. Io ho letto:
    la bambina senza cuore di emanuela valentini
    http://silviadaveri-autorialblog.blogspot.it/2013/04/recensione-la-bambina-senza-cuore-di.html
    davvero un bel libro

    RispondiElimina
  18. dopo aver abbandonato Borgo Propizio, perchè.. boh non mi veniva proprio voglia di leggerlo.. ecco che ho finito un libro!! yeah!
    Italo Calvino "Se una notte d'inverno un viaggiatore".. che dire l'ho amato appassionatamente e mi è quasi venuta voglia di scoprire come finiscono un paio di quei romanzi! un genio sisisi 5*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi dispiace tantissimo non ti sia piaciuto Borgo Propizio!!! Contenta almeno che dopo tu ti sia rifatta alla grande!

      Elimina
  19. Ho letto L'origine del peccato di Liliana Marchesi (recensione) molto carino e originale, ma non mi ha entusiasmato particolarmente...

    RispondiElimina
  20. Ciao a tutti!
    Vi aggiorno sulle mie ultime letture.
    Inizio da CORTOCIRCUITO di Elena Gianini Belotti.
    E' un libro interessante e attuale, contiene una serie di racconti sull'Italia e sui suoi nuovi cittadini provenienti da varie parti del mondo.
    Sono emigrati nel nostro paese in cerca di fortuna e tentano di sopravvivere tra un ostacolo e l'altro.
    I racconti sono brevi ed è facile riconoscervi i volti e le storie di tanti emigrati che ci capita di conoscere o anche solo osservare.
    L'altro libro è L'OCEANO, L'ALTROVE IN MAFFEO POETA di Rocco Salerno.
    E' uno studio critico di alcune delle opere poetiche di Pasquale Maffeo, scrittore poeta e drammaturgo contemporaneo. Un autore che non ha mai inseguto la fama e mai si è immischiato nelle varie "correnti", ma ha semplicemente "ubbidito alla sua ispirazione", distinguendosi dalle tante voci poetiche di questi ultimi cinquant'anni e lasciando un segno profondo nella lirica religiosa di ogni tempo. Da leggere!
    Saluti!

    RispondiElimina
  21. Rieccomi!
    Aggiorno le mie letture con un libricino interessante e poetico: DISEGNARE IL TUO NOME di Nicola Napolitano.
    E' la raccolta di alcuni inediti del poeta e scrittore laziale, ritrovati su fogli sparsi, manoscritti e dattiloscritti, e, poi, riuniti e pubblicati dal figlio Giuseppe, anch'egli poeta e narratore.
    Il tema centrale di questi scritti è un amore giovanile in quel di Magherno, in provincia di Pavia, in pieno periodo di guerra.
    Le parole del poeta verso la fanciulla ventenne, già sposata, sono molto tenere e profonde, mentre il binomio amore-guerra è esaltato anche dal fatto di ritenersi fortunato ad essere uno dei pochi tornato a casa dopo le numerose battaglie sostenute.
    Dal libro: "Disegno il tuo nome, costruendo punto su punto, linea su linea, pietra su pietra. Hai rivoluzionato la mia calma, la mia apatia; hai dato una scossa a questo torpore che da anni mi teneva in una specie di letargo, mi hai richiamato alla vita: le cose riacquistano i loro contorni, i loro colori, il loro valore".
    Alla prossima!

    RispondiElimina
  22. arrivo in extremis.
    in questo mese ho letto 6 libri.
    - L'amica geniale di Elena Ferrante. bello, scritto bene. è stato il mio libro preferito di questo mese.
    - L'incontro di Michela Murgia. Un'intensa storia di ragazzini ambientata in Sardegna. Carino.
    - Facebook in the rain di Paola Mastracola. Una storia tragicomica che ha come protagonista principale la dipendenza da facebook. Piacevole.
    - Sole senza nessuno di Letizia Muratori. Per Emilia un'imminente separazione dal marito e un nuovo lavoro nella moda, un segreto alle spalle Leggibile ma non brillante.
    - Non vi lascerò orfani di Daria Bignardi. Una scrittura lieve per raccontare del dramma della morte.
    - Settanta lana, trenta acrilico. Una storia brutta e pessimista. a me non è piaciuto.
    Per leggere le recensioni complete, ecco il link
    http://mygardencherries.blogspot.it/2013/04/letture-italiane-iii-piccole-donne.html

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono incuriosita da quello della Murgia, Accabadora mi era piaciuto.Facebook in the rain sembra simpatico ^_^
      L'amica geniale sembra interessante, devo approfondire.

      Elimina
  23. Ultimo
    L'ordine delle Sette Spade di Grace White Flower
    http://stellenelliperuranio.blogspot.it/2013/04/recensione-lordine-delle-sette-spade-di.html
    il volume introduttivo di una nuova serie che introduce un a marea di personaggi molto interessanti

    RispondiElimina
  24. Ho letto Bianca come il latte, rossa come il sangue di Alessandro D'Avenia che, sebbene inizialmente non mi stesse convincendo del tutto, alla fine mi è piaciuto moltissimo!! Ecco la mia recensione:
    http://www.goodreads.com/review/show/550068683

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Devo leggerlo anch'io in preparazione al film!!! Troppi libri

      Elimina
  25. Da ora aggiornate nella discussione di Maggio grazie! --> http://lafedelibrovora.blogspot.it/2013/05/sfida-di-lettura-io-leggo-italiano.html

    Ciao

    RispondiElimina
  26. Scusa il ritardo, recupero ora commentando ^^
    14- http://illibrochepulsa.blogspot.it/2013/04/recensione-tony-tormenta-di-rosanna.html una piacevola scoperta con un finale particolare

    15-http://illibrochepulsa.blogspot.it/2013/04/recensione-corners-church-di-matteo.html
    un thriller di un giovane autore italiano. Bello

    RispondiElimina