mercoledì 1 maggio 2013

Sfida di lettura "Io leggo italiano" PROGRESSI di Maggio



Ecco qua la discussione in cui inserire, sotto fora di commento, i vostri aggiornamenti di MAGGIO!
La discussione corrispondente su aNobii è QUI.

Innanzi tutto vi ricordo il regolamento QUI, un riassunto dei premi QUI e l'elenco degli iscritti QUI.
Da regolamento chi si iscriverà da ora in poi potrà considerare validi solo i libri letti dal momento dell'iscrizione in poi, comunque direi che c'è ancora tutto il tempo per recuperare!

Dunque per segnalare le vostre letture è sufficiente lasciare un commento, con 2 modalità:

- Se avete un blog o un posto in cui scrivete le vostre recensioni è sufficiente che scriviate TITOLO, AUTORE, un BREVE COMMENTO del libro (giusto per far capire se il libro vi è piaciuto o no) e poi potete lasciare i link alla vostra recensione;

- Se non avete un posto dove scrivete le vostre recensioni allora dovete lasciare un commento con TITOLO, AUTORE e un COMMENTO UN PO' PIU' LUNGO per spiegare se vi è piaciuto il libro e cosa vi è piaciuto.

Non è obbligatorio, ma se avete un sito o blog sarebbe bello se al fondo delle vostre recensioni scriveste che con quel libro partecipate alla sfida "Io leggo italiano" con relativo link, così che magari più persona la conosceranno.

Se ve la siete persa vi rimando alla "Sfida nella sfida" di Maggio/Giugno QUI.


Non sono ancora riuscita ad aggiornare i vostri progressi perchè non ho il mio PC sotto mano, lo farò nei prossimi giorni e vi avvertirò via mail.

Buona letture!
Fede

43 commenti:

  1. Ne approfitto subito visto che ho appena postato una recensione, quella per La maledizione di Ondine di Valentina Barbieri mi è piaciuto davvero tantissimo, molto più di quanto non pensassi :)

    RispondiElimina
  2. Ci sono: Il senso della frase di Andrea G. Pinketts, amato e divorato.

    e La verità dell'alligatore di Massimo Carlotto, anche questo m'è piaciuto molto

    questo mese ho letto anche Accabadora di Michela Murgia (in attesa di recensione). Libro preso in biblioteca con aspettative non altissime, si è rivelato un gioiellino letto in un paio d'ore, trama avvincente e umana, e la prosa della Murgia è straordinariamente musicale.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anch'io ho amato molto Accabadora! La storia mi ha sorpresa molto.

      Elimina
  3. Ecco il mio aggiornamento con le letture di aprile.

    Viaggi a perdere di Rossana Vesnaver: una vera scoperta piacevolissima. Un libro pieno di ironia, che fa divertire il lettore, senza fargli dimenticare la riflessione. Un libro che ha il potere di far sentire una donna coccolata e coraggiosa.

    Come petali sulla neve di Antonella Iuliano: anche in questo caso sono rimasta piacevolmente colpita. La storia è emozionante e coinvolgente; l'unico difetto che ho trovato è l'esagerazione nelle descrizioni, io le amo, ma in questo caso erano veramente troppo troppo esagerate.

    L'incanto di cenere di Laura MacLem: un libro cupo e tetro, a tratti horror. Una narrazione originale e affascinante, un romanzo d'esordio che potrebbe impressionare per la sua forza nel raccontare il male, ma che riesce a coinvolgere il lettore fin nelle ossa.

    Forte come l'onda è il mio amore di Francesco Zingoni: Il libro più bello del 2013 finora. La recensione più difficile che ho scritto da quando ho il blog. Non è possibile descrivere in poche pagine cosa ha significato per me questo libro.

    Il ragazzo del destino di Maria Elena Gattuso: ancora una volta una storia originale e ben strutturata. L'autrice ha avuto la capacità di scrivere una storia sul destino, adattando il tutto ad un pubblico adolescente, con un linguaggio semplice e scorrevole, il libro rileva di essere piacevolissimo e brillante.

    Perfetto di Alessia Esse: a costo di essere ripetitiva, anche in questo caso abbiamo una storia meravigliosa e davvero originale. Alessia Esse ha creato una storia che coinvolge, che sconvolge e che emoziona. Mi è piaciuto davvero moltissimo e sono già in ansia per leggere il secondo romanzo della trilogia.


    Ho concluso, venerdì posterò la recensione di un libro che ho letto qualche giorno fa, ma lascerò la recensione nel prossimo post :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Alessia sei a 20! Quindi hai finito dato che 10 libri è il massimo di libri aggiuntivi dopo i primi 10.
      Potrai ancora far punti invitando partecipanti attivi o con le sfide bimestrali, tanti complimenti per il traguardo!!!

      Elimina
    2. Comunque concordo su "Perfetto" anch'io aspetto con ansia il seguito!
      E "Forte come l'onda è il mio amore" lo avevo già sentito nominare e ora sono curiosissima, devo prenderlo seriamente in considerazione e informarmi un po' di più sulla trama.

      Elimina
  4. Ciao. Il libro che segnalo oggi l'ho letto nel mese di aprile ma solo oggi sono riuscita a postare una recensione.
    E' il libro n. 11 - FAI BEI SOGNI - MASSIMO GRAMELLINI che trovi recensito qui: http://libri-stefania.blogspot.it/2013/05/fai-bei-sogni-mgramellini-venerdi-del.html.
    Il riassunto delle mie letture italiane lo trovi qui: http://libri-stefania.blogspot.it/2013/01/anchio-leggo-italiano-o-almeno-ci-provo.html. Buona giornata e buone letture. Al prossimo aggiornamento.
    Stefania 2

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Aggiungo il mio libro n. 12 NINFA PLEBEA. Trovi la recensione qui: http://libri-stefania.blogspot.it/2013/05/ninfa-plebea-d-rea-venerdi-del-libro.html e l'elenco completo delle mie letture di autori italiani fatte nel corso della gara qui: http://libri-stefania.blogspot.it/2013/01/anchio-leggo-italiano-o-almeno-ci-provo.html

      Elimina
    2. Libro numero 13 - LE PAROLE SCAPPATE di Arianna Papini. Qui trovi la mia recensione http://libri-stefania.blogspot.it/2013/05/le-parole-scappate-papini-venerdi-del.html
      e qui l'aggiornamento dell'elenco dei libri letti (autori italiani): http://libri-stefania.blogspot.it/2013/01/anchio-leggo-italiano-o-almeno-ci-provo.html

      Elimina
  5. Ultimo libro di aprile

    12/10 Il posto di ognuno, Maurizio De Giovanni 5*

    Ognuno ha il suo posto: e può essere felice solo al suo posto. Ogni altro luogo lo lascia incompleto e quindi infelice.
    E' questo che facciamo mentre viviamo? Cerchiamo il nostro posto? "E' l'amore che ti da il posto in cui stare". E una volta trovato? Lo difendiamo, lo custodiamo, con le unghie e con i denti. Perché come Ricciardi capiamo che è meglio un rimorso che un rimpianto. E allora quel coraggio lo troviamo, quel coraggio che serve per conquistare il nostro posto, per far tacere quella fame d'amore che non ci fa dormire, per dar pace agli spasmi dello stomaco schiacciato dalla gelosia. E si commissario! A volte ci vuole più coraggio ad affrontare i vivi che i morti!

    RispondiElimina
  6. Primo libro di maggio

    13/10 Cate, io di Matteo Cellini 2*

    Cate, io….Una delusione totale!
    Sono stata un’adolescente anch’io. Non complessata come Cate è vero, ma le mie belle turbe le ho vissute, ho versato lacrime, ho avuto amiche che mi hanno delusa e infatuazioni che mi hanno fatto penare. Ma a diciassette anni non si è dei filosofi, si è insicuri, un po’ fessi. Non si è cinici e prevenuti, quello lo si diventa dopo, crescendo. Cellini non mi può propinare una Caterina arrabbiata per pagine e pagine e poi all’improviso… “ops…mi sono sbagliata! Il grasso deve aver intaccato anche qualche neurone perché in realtà la vita è bella, tutti mi vogliono bene, il ragazzo del primo banco trova le mie fossette deliziose e perciò anche se sono obesa posso essere felice. Ho sempre considerato mio padre una nullità, il matrimonio dei miei genitori è l'esempio di unione che un manuale di obesità metterebbe al primo posto e invece dopo diciassette anni che vivo con loro ho scoperto che mia madre lo ama sul serio e che lui nel suo ufficio ha delle tele in cui ha cercato di ritrarmi.” Sono tante le cose che ho trovato poco plausibili. La Cate depressa ragiona come un filosofo, la Cate che rinasce è una perfetta diciassettenne, ne carne ne pesce. Oscar il fratellino sembra trasformarsi in un nano adulto, Gionata (?) ha una vita piena e intensa e chi ci vive insieme non se n’è mai accorto??? L’insegnate andrebbe sospesa a vita e la nonna che alla sua età dovrebbe andare alle terme ne sa quasi più dell’insegnante……

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io l'ho iniziato ma l'ho mollato dopo 40 pagine... Non capivo nulla...
      Brava che sei arrivata fino in fondo almeno ^^

      Elimina
  7. Rieccomi, ho letto e recensito Garden - Il giardino alla fine del mondo di Emma Romero una grande delusione... poco originale, poco credibile e poco convincente :/

    RispondiElimina
  8. Prima lettura di Maggio:
    I SOMMERSI E I SALVATI di Primo Levi.
    Libro toccante perchè l'autore parla della sua esperienza come prigioniero nel campo di concentramento di Auschwitz e, poi, allarga il confronto con altre esperienze storiche, come i gulag sovietici.
    La cosa che colpisce è la lucidità e il distacco con cui Levi racconta le vite dei sommersi, cioè di chi non ce l'ha fatta, e dei salvati, come lui......
    ha il grande coraggio di raccontare l'animo umano, così come non l'abbiamo mai immaginato, disumanizzato, privo di qualsiasi slancio verso il prossimo.
    Dal libro: "Ogni individuo è un oggetto talmente complesso che è vano pretendere di prevederne il comportamento, tanto più se in situazioni estreme; neppure è possibile antivedere il comportamento proprio".

    RispondiElimina
  9. Un libro crudo dove spero che la realtà non superi la fantasia, come quasi sempre accade. Eppure un libro che dalla fantasia porta alla realtà, quella cruda e crudele dei giornali e dei telegiornali, forse del nostro insospettabile vicino, di sicuro quella che non vorremmo scegliesse noi. Eppure ha il potere occulto di incollare alle brutture del mondo perché, a leggere bene, un manto opalescente di poesia lo ricopre, come quello della luna piena che descrive e che resta impresso, questo FIORE CRUDO (Perrone Editore) di Paolo Alvino. Che non chiede scusa. E perché dovrebbe? Neanche la notte chiede scusa del buio.

    RispondiElimina
  10. Eccomi con una nuova recensione postata poco fa per Inferno di Francesco Gungui un romanzo che mi è piaciuto, davvero innovativo e ben congegnato :)

    RispondiElimina
  11. Eccomi:
    La maledizione di Ondine - Valentina Barbieri
    http://www.goodreads.com/review/show/604631422


    Un uomo da odiare - Miriam Formenti
    http://www.goodreads.com/review/show/609625566

    Due libri davvero belli. La maledizione di Ondine è veramente originale, la storia è davvero intrigante e i colpi di scena ti tengono con il fiato sospeso.
    Un uomo da odiare è una bellissima storia d'amore, con un periodo storico massacrato dalle guerre. Bellissimi!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "La maledizione di Ondine" mi attira sempre di più...

      Elimina
  12. Eccomi finalmente anch'io con il primo libro finito di leggere alle 4 di stanotte! Come dicevo qui: http://italianoamanoamano.blogspot.de/2013/03/marzo-pazzerello.html, dopo aver visto il film mi era rimasta la voglia di leggere il libro da cui è stato tratto; forse per riempire i vuoti lasciati da quelle battute che paiono campate in aria. Così mi sono procurata l'e-book di "Venuto al mondo" di Margaret Mazzantini e l'ho letteralmente divorato in poche notti (eh, sì con una bimba di 8 mesi la notte è l'unico momento veramente tranquillo per immergersi nella lettura)! Ad ogni modo il libro risulta decisamente avvincente, la lettura fila veloce e rispetto al film i personaggi sono caratterizzati decisamente meglio...però la scrittura della Mazzantini non mi convice del tutto: sarà che sono abituata dai tempi dell'università a leggere soprattutto classici ma l'uso ripetuto per ben 10 volte del verbo "dire" in una sola pagina mi ha lasciata un po'perplessa. Inoltre in alcuni punti ho avuto l'impressione che l'autrice scrivesse di cose che in realtà conosce solo in maniera superficiale e si fosse servita della recente storia dei Balcani come mero sfondo. Ciò nonostante devo ammettere che "Venuto al mondo" nel suo complesso non mi è dispiaciuto e tutto sommato lo consiglierei pure...

    n.b.: Questa volta, avendone già parlato nel blog prima di leggerlo, scrivo solo qui fra i commenti la recensione; per i prossimi libri creerò dei post appositi linkando a fondo pagina la tua sfida... Spero vada bene.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Benissimo! La Mazzantini continua a non attirarmi...

      Elimina
  13. Ciao!
    Ho finito di leggere un altro libro. Si intitola "Jurij e Lara. Lettura del Dottor Zivago" di Giorgio Agnisola, critico d'arte e giornalista campano.
    E' la sua personale interpretazione del capolavoro di Pasternak, una rilettura fatta in maniera delicata e sensibile che permette di entrare meglio nella trama del romanzo e di analizzare il sentimento che unisce i protagonisti: l'Amore.
    Alla prossima lettura!

    RispondiElimina
  14. Aggiorno con la mia recensione per Cuori di carta di Elisa Puricelli Guerra! L'ho trovato davvero carino :)

    RispondiElimina
  15. Eccomi con la nuova recensione http://tramestiointeriore.blogspot.it/2013/05/gli-spiriti-non-dimenticano-vittorio.html e grazie per questa bella sfida! Sto scoprendo di quegli autori!!!
    baci

    RispondiElimina
  16. ecco il nono libro

    Recensione di ‘’Anima Divelta’’ di Maria Lucci

    Libro di poesie


    Sono più un’assidua lettrice di narrativa, mentre la poesia da sempre preferisco molto più scriverla, anziché leggerla, ma devo dire che questo libro insieme ad altre eccezioni mi ha portato nuovamente a immergermi dentro ad un mondo poetico pervaso da un tema singolare, all’apparenza sgretolato e inciso dal dolore, ma che in fondo porta rinascita e cambiamento interiore.
    Uno stile in un certo senso fugace, in cui crollano le parti della certezza del vivere, ma proprio al confine tra crisi e dubbi, vi nasce una nuova ombra.
    Un’ombra piena di verità nostalgica e divelta consapevolezza, che diventerà nuova e importante luce per affrontare ogni giorno quasi come se fosse l’ultimo.
    Termini comuni intrecciati ad altri più aulici e complessi che trasformano questo nuovo, ma al contempo antico poetare, in una primavera dell’anima.
    Le foglie dell’autunno e la neve perenne dell’inverno si spogliano di ieri per ricordare e amare comunque di un valoroso passato il presente.
    Un libro pieno di emozioni, quasi un ‘diario di bordo’, riscoperto tra gli anfratti perenni della vita fino a trasformarsi in sublime e caparbia voglia di rinascere attraverso l’animo sanguigno e puro dell’autrice.
    Nella sua scrittura trasudano molto i suoi studi classici, ma sono sicura che è riuscita e riuscirà ugualmente ad entrare nel cuore di tutti: perché la semplicità dell’amore e l’angolo del sentimento sono accessibili ad ognuno di noi, anche ai cuori più impavidi.
    Ho amato tutte le poesie di questa raccolta, ma la più bella rimane ‘Disincanto’:
    ‘‘Frugo/tra la paretaria/per rapire/ tra i cunicoli della luce/il gusto impalpabile della rivelazione.
    Giorni accentati dall’ebbrezza/lussuriosa innocenza/in sella/alla zattera scintillante dei sogni./
    Arenata,oggi,/nel digiuno presentito del disincanto.’’

    Francesca Ghiribelli.

    RispondiElimina
  17. Nel mese di maggio ho letto Accabadora della Murgia, sicuramente una lettura interessante per conoscere la realtà sarda degli anni '50. Qui la recensione
    http://www.anobii.com/0134682f7fe228c140/books

    RispondiElimina
  18. 1) Storie dentro Storie di Giovanna astori
    http://stellenelliperuranio.blogspot.it/2013/05/recensione-storie-dentro-storie-di.html
    un libro che si legge velocemnete, una novella quasi, sulle possibilità che la vita ci offre enza che quasi ce ne rendiamo conto

    2) La società egli Spiriti di federica Soprani e vittoria Corella
    http://stellenelliperuranio.blogspot.it/2013/05/racconti-in-recensione-la-societa-degli.html
    un racconto che introduce due investigatori improbabili, in una londra vittoriana dopo si nascondono le perversioni degli uomini

    3)La lega dei gentiluomini rossi di Federica soprani e Vittoria Corella
    http://stellenelliperuranio.blogspot.it/2013/05/racconti-in-recensione-anteprima-la.html
    il secondo racconto che ci avvicina ai due investigatori e alle loro piccole manie e segreti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gli autori devono essere sempre diversi per cui l'ultimo non è valido ok? Ciao ^^

      Elimina
  19. Ciao!
    Rieccomi con un nuovo libro letto.
    "La Chiesa ferita. Papa Francesco e la sfida del futuro" di Paolo Rodari.
    L'autore è un giornalista di Repubblica e ha scritto questo breve libro nel tempo intercorso tra la rinuncia al Pontificato di Benedetto XVI e l'elezione di Papa Francesco. Si tratta di un riflessione nata dall'incontro con padre Innocenzo, priore di una comunità di benedettini camaldolesi che un anno fa aveva ospitato propio Benedetto XVI.
    Durante quella visita, il priore aveva intuito che il Papa meditava qualche importante decisione, concretizzatasi, poi, nel febbraio di quest'anno. Tanti i motivi che hanno spinto Ratzinger alla rinuncia: dai motivi personali a quelli interni al Vaticano, come lo scandalo Vatileaks. Tocca ora a Papa Francesco affrontare queste situazioni e, soprattutto, il problema fede-contemporaneità attraverso una "Chiesa povera e per i poveri".
    Al prossimo libro :-)

    RispondiElimina
  20. Luna - Francesca Verginella
    http://www.goodreads.com/review/show/614238866

    RispondiElimina
  21. Nella vita ci sono amori che nascono perché il momento è giusto, c’è quanto serve (età, lavoro, casa...); perché lui è quello e lei è quella, o almeno così sembra. Ci si sente felici, ci si sposa convinti. E affinché ciò sia confermato ci sono prove importanti da superare insieme, a volte molto pesanti, troppo: come la sordità di un figlio, handicap subdolo, invisibile, straziante, assordante quanto un urlo spudoratamente muto.
    E, nella stessa vita, ci possono essere anche cerchi mai chiusi, che hanno un loro perché e vogliono esprimerlo. L’anima non si può tenere soffocata troppo a lungo, isolata, nascosta dietro altre cose, altre parole, altri gesti, altre persone… anche se sono la famiglia che ci si è creati. Le passioni restano sommerse; arriva, prima o poi, il momento in cui qualcosa si ribella: tanti anni in un secondo, tutto torna come prima e sembra che sia stata solo un’attesa, fino ad allora, la vita. Sembra un romanzo.
    Vita o romanzo cosa importa. Nel suo “Non volare via” (Garzanti) Sara Rattaro ci racconta un matrimonio – se ancora tale sarà – provato, che pena a lungo prima di ritrovare un qualche suo equilibrio, con il particolare stile che già nei libri precedenti ci ha graffiato il cuore e incollati alle pagine. Come lei è usa fare, con sincerità, affetto, mi spingerei a dire dedizione verso i personaggi che ha amato, si sente. E, scrittrice sensibile, aggiungendo una plusvalenza: l’attenzione verso i non-udenti, dei quali si parla troppo poco, verso cui la tutela non è abbastanza e la legge glissa.

    http://www.ibs.it/code/9788811684428/rattaro-sara/non-volare-via.html


    RispondiElimina
  22. eccomi con maggio...ho letto:
    Scusi, bagnino, l'ombrellone non funziona! di Marco Buticchi...una lettura più adatta all'estate ma comunque piacevole...riprende i clichè tragicomici dell'italiano medio in vacanza! chiunque avrà trovato nel proprio lido uno dei personaggi descritti! ottima lettura sotto l'ombrellone (tanto per citare un clichè!)

    ...e come lettura per interesse professionale ho letto:
    Tutto quello che sai sul cibo è falso di Sara Farnetti, ha qualche spunto interessante ma non mi ha entusiasmata...può essere evitato..

    baci!:)
    *mezzaluna*

    RispondiElimina
  23. ecco con le recensioni di Maggio
    Il primo caffè del mattino, lettura fresca e con il profumo della capitale, Roma http://illibrochepulsa.blogspot.it/2013/05/recensione-il-primo-caffe-del-mattino.html

    http://illibrochepulsa.blogspot.it/2013/05/recensione-la-maledizione-di-ondine-di.html
    Recensione, la maledizione di Ondine. un bell'esordio per una giovane autrice

    http://illibrochepulsa.blogspot.it/2013/05/recensione-inferno-canti-delle-terre.html
    Recensione, Inferno. posso solo dire Bello bello :)

    http://illibrochepulsa.blogspot.it/2013/05/recensione-angels-di-serena-versari.html
    Recensione, Angels. Un libro scorrevole e piacevole

    http://illibrochepulsa.blogspot.it/2013/05/recensione-non-volare-via-di-sara.html
    Recensione, Non volare via. Sara Rattaro mi stupisce sempre e io adoro questa donna

    http://illibrochepulsa.blogspot.it/2013/05/recensione-la-punizione-del-romanzo-di.html
    Recensione, la punizione del romanzo. Un libro molto particolare che consiglio di leggere

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao, con questi sei arrivata a 20 quindi hai finito! Se vuoi ancora accumulare punti ci sono le sfide bimestrali e se vuoi aggiornare ancora le tue letture sono ben contenta (anche se non le segnerò).
      Ciao e complimenti!!

      Elimina
  24. Ciao!!:) Giusto in tempo sono riuscita a finire "Le avventure di Pinocchio" di Collodi!! Era da tanto che volevo leggerlo e finalmente ho approfittato del tuo consiglio del mese per farlo!! Mi è piaciuto molto!!:)
    Qui c'è la mia breve recensione:
    http://www.goodreads.com/review/show/568626740

    RispondiElimina
  25. Ciao!
    Inserisco la mia nuova recensione il 1° giugno, ma il libro l'ho finito ieri sera 31 maggio :-)
    il libro in questione è CIOCCOLATA DA HANSELMANN di Rosetta Loy. Lo avevo in casa da tanto tempo e finalmente mi sono decisa a leggerlo!
    La storia è ambientata negli anni '30, in piena guerra e in Svizzera due sorelle molto cattoliche, Isabella e Margot, si innamorano dello stesso uomo, Arturo, uno scienziato ebreo costretto a sfuggire alla persecuzione nazista. L'uomo è ospite in casa delle sorelle, ma non si adatta a questo ruolo, così come rifiuta il suo essere "uomo in fuga" e la pietà che gli viene dimostrata. Sente la necessità di avere prove d'amore ma, soprattutto, sincerità. Non vi dico come va a finire perchè mi piace che siano i lettori a scoprire gli sviluppi di ogni storia, ma, di certo, la Loy si concentra su un tema ben preciso e tragico come le persecuzioni razziali durante la prima metà dello scorso secolo. La scrittrice ha sicuramente una grande capacità nel descrivere personaggi e situazioni, nel raccontare le storie di ogni protagonista intrecciandole le une alle altre, come le tessere di un mosaico. Alla prossima lettura!

    RispondiElimina
  26. ecco il decimo libro stavolta è un saggio politico

    è postata sul mio blog
    ecco il link :)

    http://francescaghiribelli.blogspot.it/2013/06/tu-sarai-leghista-leghista-sarai-tu.html

    RispondiElimina
  27. volevo aggiungere anche un altro libro che ho finito a maggio ma non ho avuto tempo di aggiungere!
    si tratta del "chick-lit" via chanel n°5 di daniela farnese..
    devo ammettere che per le prime 50-80 pagine non sono riuscita ad entrare bene nella storia, non mi prendeva molto ma ho resistito...dopo mi ha un pò presa ma alla fine del libro penso che gli manchi qualcosa...questi romanzi rosa sono spesso simili tra loro e magari è proprio questo che li rende piacevoli e leggeri da leggere per staccare un pò ma è bello trovare un quid che aggiunga un qualcosa ad ogni singola storia...qui non l'ho trovato..

    RispondiElimina
  28. ecco ne aggiungo un altro http://tramestiointeriore.blogspot.it/2013/06/cubamsc-marco-cubeddu.html
    C.U.B.A.M.S.C. di Marco Cubeddu

    RispondiElimina
  29. ecco l'undicesimo

    Recensione di ‘La meravigliosa

    avventura di Elizabeth Reed’’ di

    Stefania Andrusiani


    Un libro che ha meritato egregiamente il premio internazionale ‘’Europa 2011’’, ma che dovrebbe accaparrarsi molti altri riconoscimenti.
    Una storia fresca, originale, dove l’idea della protagonista Elizabeth Reed, sembra riportare alla mente la vaga somiglianza con Bridget Jones, ma ovviamente soltanto per i chili di troppo, che la ragazza è costretta inizialmente ad accettare. Tanti i personaggi secondari altrettanto importanti e validi per l’intera stesura del romanzo.

    Un’avventura di vita che riesce a far riscattare completamente questa figura femminile, lasciandole modo di diventare da timido bruco splendida ed eterna farfalla.

    Come in tutte le vite, però ci sono grandi prezzi da pagare e difficili peripezie da affrontare, ma saranno proprio la bontà, la forza d’animo, il coraggio e la dignità di questa ragazza a superare ogni ostacolo, anche quello più impossibile.

    Tutto verrà mosso dalla grandezza dell’amore che prova per Paul, un uomo d’affari affascinante, sensuale, ma che purtroppo ha l’animo impavido di eterno scapolo e perfetto rubacuori.

    In fondo agli occhi di Elizabeth, che nel corso della storia verrà chiamata spesso Smeraldo, proprio per il meraviglioso colore del suo sguardo,l’uomo appare come un dongiovanni che però cerca di nascondere a tutti i costi il suo lato più tenero e romantico.

    La ragazza è più che convinta che riuscirà a tirare fuori dal suo cuore la parte più bella che egli nasconde anche a se stesso, ed il lato che lei ama di più.

    Un amore che la protagonista cela fin dal momento in cui lo conosce e che cresce con lei facendola diventare una bellissima donna adulta piena di sani principi ed importanti valori.

    Un particolare che mi è piaciuto ancora più di tutto è la cura, con cui l’autrice ha realizzato la trama avvincente che pagina dopo pagina incuriosisce il lettore sempre più; ma soprattutto la forma dei dialoghi che all’interno di un’ambientazione moderna e originale ricordano il sapore romantico dei ‘chick-lit’.

    Questo termine viene riferito ai romanzi d’esordio degli anni novanta con tematiche strettamente femminili e sentimentali, ma chi ha veramente inaugurato questa tendenza letteraria sono grandi scrittrici di romanzi d’epoca e molto più lontani, una fra tutte è Jane Austen.

    Ecco, io ritrovo una piccola parte del sapore di quei dialoghi un po’ retrò nel romanzo di Stefania Andrusiani. Essendo una che adora quel genere, non posso che rimanere entusiasta di questa lettura riprodotta in chiave moderna e attuale.

    La scrittrice insomma ha saputo creare un favoloso romanzo che ci vuole ricordare, nonostante le tante difficoltà che la vita ci mostra, come ai tempi di oggi possa esistere ancora un amore pervaso dalla fragrante dolcezza dell’eterno. Perché l’amore vero è quello che veramente non finisce mai di esistere e che va oltre tutto.

    Elizabeth Reed ne è l’esempio romanzesco, ma anche vivente, una storia importante che tutti dovrebbero leggere, perché valorizza la figura di tutte le donne. Un percorso di vita dove molto spesso ogni donna comune potrebbe rispecchiarsi e da cui dovrebbe imparare a riscattarsi.

    Perché ognuna di noi dovrebbe sentirsi sempre e comunque una donna con la ‘D’ maiuscola.

    Una lettura assolutamente da consigliare. Ringrazio inoltre l’autrice per avermi inviato il suo libro con una simpatica dedica autografata, che custodirò preziosamente.



    Francesca Ghiribelli.

    RispondiElimina
  30. ah meglio così forse ho tenuto il conto in modo sbagliato!
    ora ti posto il tredicesimo allora nel post di giugno!

    RispondiElimina