venerdì 20 luglio 2012

Recensione: "La pofezia del lupo - L'eredità dell'ombra" di Marilù Monda + Vincitore giveaway!

Ecco la recensione collegata al mio secondo giveaway! Anche questa volta il libro che vi regalerò non è entrato nel mio cuore, ed è un vero peccato! Spero arrivi presto il giorno in cui regalerò un libro che ho amato, spero che sia il prossimo!





Titolo: La profezia del lupo - L'eredità del'ombra
Autore: Marilù Monda
Prezzo: 14,90€
Pagine: 384
Data di pubblicazione: Maggio 2012
Editore: Piemme
Collana: Freeway
Scheda aNobii del libro: 
Giudizio in stelline: 2 stelline e 1/2






Trama:

Il cielo è un'oscurità impenetrabile, i corvi e le cornacchie lanciano le loro stridule grida, nubi di pipistrelli riempiono l'aria: sono tutti presagi di guerra e morte perché il Clan dell'Ombra ha conquistato il mondo e sta seminando caos e distruzione. La salvezza è nascosta tra le righe di una profezia, che allude a quattro Prescelti che non potrebbero essere più diversi: Faloan, l'irruente erede del regno dell'Acqua; Aidan, la malinconica e bellissima principessa del regno del Fuoco; Derry, un umile contadino che viene dalle verdi lande del regno della Terra; e Kyla, una pastorella ribelle del regno dell'Aria. I quattro ragazzi, che tengono tra le mani il destino del mondo, hanno una sola certezza: trovare la Creatura dagli Occhi Verdi, un misterioso guerriero che li accompagnerà nella difficile impresa di sconfiggere le forze del male...


cosa penso del libro:

"L'ereredità dell'ombra" primo libro della saga fantasy "La profezia del lupo" dell'autrice di origini italiane ma residente a New York Marilù Monda. La storia è ambientata in un passato fantastico, popolato da creature magiche e da cattivi potenti e malvagi che traggono la loro forza dalle ombre e dalla paura. I protagonisti principali sono 4 e provengono da altrettanti Regni che prendono il nome dai 4 elementi naturali e sono confinanti tra loro. C'è il Regno dell'Acqua che corrisponde alla nostra Scozia, quello dell'Aria al Galles, il Regno del Fuoco all'Inghilterra e quello della Terra all'Irlanda. Gli abitanti di ciascun Regno si differenziano per indole e temperamento, dipendenti entrambi dall'elemento che dominano e a cui sono più legati. I quattro protagonisti sono i Prescelti della Profezia del Lupo da cui la saga prende il nome, tale profezia viene tramandata per via orale da secoli nei loro regni, e la canzone creata dall'autrice per enunciarla è davvero splendida. Tuttavia mi aspettavo che i Prescelti si incontrassero grazie ad una serie di eventi inaspettati e sorprendenti, invece un bel giorno un messaggero li raggiunge, li informa del loro destino, li incita a partire per affrontarlo, loro accettano, mollano tutto e vanno. Non sono la lettrice più navigata del mondo, ma mi rendo conto che questa sequenza di eventi è a dir poco banale e scontata, manca di fantasia e di quell'ispirazione geniale, quell'idea nuova, che avrebbe potuto dare il giusto sprint alla storia.
Quando poi i 4 ragazzi si incontrano le cose non migliorano. Iniziano la loro prima missione e gli eventi si succedono in una maniera che mi ha ricordato quei videogiochi in 2D che avevo da bambina. I protagonisti camminano in linea retta, raccolgono oggetti, superano ostacoli, poi all'improvviso i nemici li attaccano. Breve battaglia, la barra della vita dei protagonisti si riduce, poi arriva un aiuto dall'esterno che mette in fuga i cattivi. Finalmente poi, dopo un intermezzo noioso, nel quale per andare avanti col videogioco si è costretti a parlare con tutti i personaggi che sono venuti in aiuto, si può proseguire, sempre in linea retta, senza aver fatto niente per meritarselo ma solo perchè la trama del gioco vuole così. Cambia lo scenario, perchè si è passati al livello successivo, ma continua a non capitare niente, finchè i nemici attaccano di nuovo. Altra breve battaglia, e altri personaggi che vengono in aiuto ai protagonisti. A così la prima missione, in apparenza difficile e quasi impossibile, è stata superata senza che in effetti i protagonisti facessero assolutamente nulla per riuscirci! Quindi mi duole dire che la trama, che si prestava bene per un'avventura piena di imprevisti e colpi di scena, si rivela invece piatta ed anonima. Dopo di che l'intreccio si fa più interessante ma non decolla. I nemici creati dall'autrice sembrano davvero molto molto malvagi (e a tratti anche sboccati) ma la loro gerarchia è poco chiara, così come le loro origini e il loro scopo, per cui non spaventano come dovrebbero.
Si spererebbe che uno stile senza uguali compensasse la trama non proprio brillante. Invece purtroppo a me non è piaciuto neppure questo. Non posso dire che l'autrice scriva male, perchè non è affatto così, ma ci sono troppe ingenuità nello stile che andrebbero corrette in maniera tempestiva. 
Ad esempio, quando dei nuovi personaggi entrano in scena, l'autrice prende ad elencarli e descriverli uno per uno, creando un intermezzo noioso, inutile e ai limiti della sopportazione. Poi tutte le volte che leggevo frasi come "Il primo cavaliere" o "L'ultimo lupo" mi ritrovavo a chiedermi "Ma il primo (o l'ultimo) rispetto a cosa? Ma entrano sempre in scena in fila indiana questi dannati personaggi? Oppure devo immaginare che l'osservatore si trovi sempre all'estrema destra o sinistra della scena" Proprio non capisco l'utilità di questi elenchi.
Le descrizioni non sono originali, sono dei meri elenchi di caratteristiche fisiche, quindi non avevo il tempo di leggere com'era un personaggio che già me lo ero dimenticato (anche perchè sono davvero tantissimi). Inoltre l'autrice ribadisce di che colore i personaggi hanno capelli, labbra e occhi fin troppo spesso. Io sono una di quelle persone che immagina intere scene mentre le legge e trovo fastidiose queste ripetizioni cromatiche perchè se magari sono presa dall'azione e per sbaglio o distrazione sto vedendo la protagonista mora, ma mi viene ricordato per l'ennesima volta che è bionda, devo interrompermi per tingere mentalmente la ragazza. Può sembrare un difetto di poco conto, ma queste continue descrizioni mi hanno infastidita e hanno rallentato enormemente la lettura.
In conclusione penso che leggerò il seguito perchè devo sapere cosa capiterà ai protagonisti e voglio vedere se l'autrice è stata brava a giocare con la profezia da lei stessa creata, ma mi sento di consigliare il libro solo agli appassionati del genere High Fantasy che cercano continuamente nuovi libri appartenenti a questo genere anche se non eccelsi.
La recensione sembra una stroncatura ma non lo è perchè molti dei difetti che ho riscontrato possono essere mitigati dall'esperienza dell'autrice e le idee ci sono, si sente, ma manca quel non so che affinchè il libro rientri tra gli imperdibili. Se Marilù Monda non si fermerà  e soprattutto cercherà di correggere quello che non funziona, sono sicura che darà tanto al fantasy moderno.


Giudizio finale espresso con una bocca affamata:

Possiedo una collezione di bocche abbastanza vasta, non so neanche spiegarmi in perchè, semplicemente mi piacevano e le ho salvate in una cartella. Comunque dato che, com'è ovvio, non ho mai avuto occasione di utilizzarle, ma le trovo tutt'ora molto belle ed espressive, ho pensato che potessero tornar utili per sintetizzare il mio pensiero sul singolo libro. Ci provo!

Questa volta, dato che avevo solo 7 opzioni, tante quanti gli iscritti al giveaway, temevo di far fatica a trovare quella adatta, ma quando le ho guardate, a fine lettura (e soprattutto a fine recensione) mi è venuto quasi da ridere perchè ce n'è una davvero perfetta per esprimere uno dei sentimenti dominanti a fine lettura, ovvereo una confusione cromatica senza uguali! (anche se non credo fosse questa l'idea della concorrente in questiona)
La bocca adatta a "La profezia del lupo - L'eredità dell'ombra" è questa:


Come ho detto l'autrice non fa che ribadire di che colore hanno gli occhi, i capelli, la bocca e la pelle i vari personaggi, aggiungendo ogni volta un dettaglio forse poetico o forse no. Ad esempio dei capelli biondi una volta risplendono come l'oro, la pagine dopo sono come spighe di grano, quella dopo hanno riflessi ramati, quella dopo luccicano come il sole a mezzogiorno e così via in un'infinità di varianti. Alla fine la mia immaginazione si ribellava, non la controllavo più, i protagonisti per me potevano anche essere grigi, con i capelli verdi e le labbra blu ;-D perchè non ci capivo più nulla e sinceramente non mi importava più!
Basta colori, spero che nel prossimo libro l'autore non si azzardi a dirmi com'è fisicamente il suo protagonista perchè non lo voglio sapere, voglio essere libera di immaginarmelo come pare a me! Anzi devo proporre a Pennac di inserirlo tra i diritti del lettore ^_^

E se avete letto fino a qua ora sono curiosa di sapere cosa ne pensate!

Avete letto questo libro? Cosa ne pensate? Lo avete in wish list?

Come sapete ho abolito le captcha, quelle fastidiose parole chiave che bisogna inserire quando si lascia un commento, quindi farmi sapere la vostra opinione non vi richiederà che pochi secondi!


Ciao e alla prossima recensione! (come sempre molto amatoriale e ancor più totalmente personale)

p.s. caro lettore che hai riconosciuto la bocca come quella da te postata, mandami una mail con i tuoi dati (l'indirizzo lo trovi nella pagina "contatti") perchè hai appena vinto questo libro!!!!

10 commenti:

  1. Il fantasy non è il mio genere, quindi passo. Bella recensione però, personale e chiarificatrice!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie ^_^
      Le mie recensioni sono sempre molto personali ma a volte mi sento costretta a spiegare cosa non è piaciuto (o piaciuto molto) A ME così che chi ha gusti simili possa decidere se la lettura può interessare o meno. Mentre per altri può essere un pregio quello che per me è un difetto quindi ho abolito le critiche generiche, per non far torti a nessuno scendo nel dettaglio ;)
      Ciao

      Elimina
  2. Mmmmmm... la tua recensione mi mette un po' di dubbi! Nutrivo molte speranze sul libro perchè la trama mi ha ispirata molto. Speriamo non sia una completa delusione :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Magari a te piacerà, io ci spero ^_^

      Elimina
  3. Peccato, mi dispiace non aver azzeccato..alla prossima <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La prossima occasione sarà tra poco, rimani connessa!

      Elimina
  4. Ciaoooo! Volevo dirti che ho finito il libro e se vuoi dare uno sguardo alla mia recensione scoprirai che la pensiamo più o meno nello stesso modo: spesiamo che il secondo spicchi il volo :)

    RispondiElimina