giovedì 26 luglio 2012

Recensione: "Un giorno" di David Nicholls

Dopo tanti YA finalmente una lettura da adulti. Bella, tra l'altro.






Titolo: Un giorno
Titolo originale: One day
Autore: David Nicholls
Prezzo: 18,00€
Pagine: 487
Data di pubblicazione: Agosto 2010
Editore: Neri Pozza
Scheda aNobii del libro:







Trama:

È l'ultimo giorno di università, e per due ragazzi sta finendo un'epoca. Ormai si sentono adulti e indipendenti, hanno davanti a sé l'intera vita, da afferrare a piene mani. 
Emma e Dexter sono a letto insieme, nudi. Lui è alto, scuro di carnagione, bello, ricco. Lei ha i capelli rossi, fa di tutto per vestirsi male, adora le questioni di principio e i grandi ideali. 
Si sono appena laureati, il giorno successivo lasceranno l'università. Dopo una serata di grandi bevute sono finiti a baciarsi con passione, e poi tra le lenzuola. Ora sono lì, l'uno accanto all'altra, nell'alba di una vita nuova. 
Quel giorno, il 15 luglio 1988, Dexter e Emma si dicono addio per la prima volta. Le loro strade si separano, lui è destinato a una vita di viaggi, divertimenti, ricchezza. Emma non ha soldi, ha bisogno al più presto di un lavoro, e sogna di cambiare il mondo. 
Emma si sposterà a Londra, farà la cameriera in un pessimo ristorante messicano e prenderà due decisioni importanti: diventare insegnante e andare a vivere con il suo ragazzo, Ian, un comico che non riesce a strappare una risata. 
Nel frattempo Dexter, grazie alla sue conoscenze e alle possibilità economiche, entra nell'industria della spettacolo. Presenta un programma televisivo di dubbio gusto, assieme a una donna con cui si trova a uscire fin troppo spesso. È diventato dipendente dalle droghe, dal sesso facile e dalle celebrità di terza categoria che frequentano il suo mondo. 
Ma ogni 15 luglio c'è un momento speciale per entrambi: dove sarà Emma, cosa farà Dexter? 
Per venti anni, in quel giorno, si terranno in contatto. Nel corso di venti anni, ogni anno, per un giorno, saranno di nuovo assieme.


cosa penso del libro:

Proprio come mi aspettavo "Un giorno" è stato un'ottima lettura. La cosa più particolare del libro è che ci viene raccontata la storia di due amici, Emma e Dexter, nell'arco di 20 anni ma per ogni anno viene descritto ciò che accade in un singolo giorno, il 15 Luglio, ovvero l'anniversario del loro primo incontro. Casualmente ogni anno quel giorno capita qualcosa di molto significativo ad entrambi, magie che può solo la finzione letteraria. L'idea è molto innovativa, non c'è che dire. Lo stile si avvicina a quello di Hornby, molto... inglese direi. I protagonisti sono un uomo e una donna, da sempre attratti l'uno dall'altra, il cui momento di diventare "qualcosa in più" sembra non arrivare mai. Sono persone normali, in cui i difetti e le debolezze vincono nettamente sulle cose positive. L'autore è un uomo e di conseguenza il suo personaggio maschile è molto meglio caratterizzato rispetto a quello femminile. La psiche femminile non ha segreti per Nicholls, ma da donna avrei preferito conoscere molte più cose riguardo ai pensieri e le turbe di Emma e magari meno riguardo a Dexter, un uomo antipatico e pieno di se che non ha incontrato il mio favore.
Anche la relazione di amicizia tra i due è molto vera e reale. Come la maggior parte delle amicizie non è affatto equilibrata e spesso è messa in crisi dal fatto che le loro vite sono molto diverse e ad entrambi sembra che non ci sia sempre posto per l'altra persona. Si danno per scontati, ma allo stesso tempo non hanno il coraggio di dirsi addio una volta per tutte, sono molto legati e "destinati".
La storia è abbastanza coinvolgente ma sono state le ultime 50 pagine le più commoventi. In realtà penso che il finale sia una sorta di scorciatoia... Senza fare spoiler, capita una cosa che è il peggior incubo per ogni persona innamorata, quindi le lacrime sono obbligatorie ma anche strappate a forza.
In conclusione è un buon libro ma mi aspettavo qualcosa di più da quello che è considerato un capolavoro da molti. L'autore non corre nessun rischio, scrive quello che il lettore vuole leggere e anche il colpo di scena è studiato a tavolino per emozionare e lasciare un ricordo indelebile del finale. E ci riesce! Ma poteva andar meglio, a fine lettura rimane la sensazione di esser stata un po' "raggirata".


Giudizio finale espresso con una bocca affamata:

Possiedo una collezione di bocche abbastanza vasta, non so neanche spiegarmi in perchè, semplicemente mi piacevano e le ho salvate in una cartella. Comunque dato che, com'è ovvio, non ho mai avuto occasione di utilizzarle, ma le trovo tutt'ora molto belle ed espressive, ho pensato che potessero tornar utili per sintetizzare il mio pensiero sul singolo libro. Ci provo!
La bocca adatta a "Un giorno" è questa:


I protagonisti ci mettono veramente tanto a dirsi che si amano! Penso che tutto il tempo che non passano come una coppia sia assolutamente sprecato. Non so, forse mi sarebbe piaciuto leggere della loro vita insieme più a lungo, il loro modo di comportarsi l'uno con l'altro è frustrante! Ma ecco cosa si guadagna a non essere sinceri.

Ovviamente sono curiosissima di leggere le opinioni di tutti!

Avete letto questo libro? Cosa ne pensate? Lo avete in wish list?

Come sapete ho abolito le captcha, quelle fastidiose parole chiave che bisogna inserire quando si lascia un commento, quindi farmi sapere la vostra opinione non vi richiederà che pochi secondi!

Ciao!

5 commenti:

  1. Io ho valutato questo libro 3 stelline, è un libro che si fa leggere bene, ma non l'ho trovato così eccezionale. Concordo sul fatto che l'autore non si è sbilanciato troppo e il colpo di scena finale è sembrato studiato a tavolo anche a me.
    E hai proprio ragione... quanto tempo sprecato inutilmente tra i due :-(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come sempre sono d'accordo con te al 100%!!!

      Elimina
  2. Io l'ho trovato MERAVIGLIOSO :) Con cinque stelle su cinque, si è rivelato il romanzo più intenso del "lontano" 2010! Molto bello anche il film!
    Purtroppo, sopratutto quando si è amici, dirsi certe cose non è così facile. Si ha paura di rovinare tutto ciò che si è creato in tanti anni di complicità.
    Il finale è studiato anche secondo me, ma senza non sarebbe stato lo stesso roamzno :)

    RispondiElimina
  3. Io l'ho adorato!!! Una delle migliori letture del 2011! ^^
    Ma perché dex non ti sta simpatico? Si ne fa di cosacce ma dietro il suo carattere scapestrato c'è in fondo un bravo ragazzo...io ho trovato entrambi i personaggi belli e ben caratterizzati, anche se per Emma ho un affezione particolare perché mi riconosco in parecchi suoi tratti...
    Bella bocca!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lui non lo posso soffrire perchè sono femminista dentro e odio anche la sola idea di uomini come lui, che in pratica rinuncia all'amore della sua vita per copulare con più donne possibili. Emma mi piace di più, ma è innamorata di un ragazzo che io disapproverei totalmente, quindi anche lei perde qualcosa ai miei occhi... Comunque non dico che il libro sia brutto, semplicemente penso che con quella premessa l'autore avrebbe potuto fare e rischiare di più, invece non ho letto nulla di inaspettato o sconvolgente ecco...

      Elimina