venerdì 1 febbraio 2013

Sfida di lettura "Io leggo italiano": PROGRESSI Gennaio/Febbraio


Buongiorno! Ecco finalmente il post che tanto aspettavate, quello in cui potrete segnalare i vostri progressi nella lettura di libri scritti da autori italiani! 

Innanzi tutto vi ricordo il regolamento QUI, un riassunto dei premi QUI e l'elenco degli iscritti QUI.

Se non siete ancora iscritti per farlo vi basta scrivere un messaggio qua sotto, e vi ricordo che se vi iscriverete entro il 28 Febbraio saranno considerati validi per la sfida tutti i libri di autori italiani letti dall'1 Gennaio, se vi iscriverete dal 1 Marzo in avanti varranno solo i libri letti dal giorno dell'iscrizione!

Dunque per segnalare le vostre letture è sufficiente lasciare un commento, con 2 modalità:

- Se avete un blog o un posto in cui scrivete le vostre recensioni è sufficiente che scriviate TITOLO, AUTORE, un BREVE COMMENTO del libro (giusto per far capire se il libro vi è piaciuto o no) e poi potete lasciare i link alla vostra recensione;

- Se non avete un posto dove scrivete le vostre recensioni allora dovete lasciare un commento con TITOLO, AUTORE e un COMMENTO UN PO' PIU' LUNGO per spiegare se vi è piaciuto il libro e cosa vi è piaciuto.

Oggi pomeriggio aprirò anche una discussione su aNobii dove coloro che si sono iscritti da lì potranno aggiornarmi sui loro progressi, ma sarebbe gentile se a fine mese venissero qui a fare un riassunto delle loro letture!

Non è obbligatorio, ma se avete un sito o blog sarebbe bello se al fondo delle vostre recensioni scriveste che con quel libro partecipate alla sfida "Io leggo italiano" con relativo link, così che magari più persona la conosceranno.

Spero di non aver dimenticato niente, nel caso farò degli aggiornamenti.
Dunque pronti, partenza VIAAAAAAA!!!!

Buon divertimento!

P.S. per quanto riguarda i premi: ho deciso di metter in palio dei librini perchè spesso in passato mi sono iscritta a delle sfide, armata di tante buone intenzioni ma poi, per una ragione o per l'altra, non le ho portate a termine. Spero che la prospettiva di un possibile regalino vi sproni a raggiungere il vostro obiettivo! In fondo vi richiedo uno sforzo lungo un anno e un incentivo non può guastare! 

Ciao!
Fede

154 commenti:

  1. Buongiorno. Io al momento ne ho due già letti.

    1. MATEMATICA E LETTERATURA (S. Beccastrini, M. Nannicini).
    Si tratta di un saggio che mette in relazione la matematica con la letteratura: è piuttosto tecnico ma molto interessante, illustra le relazioni che ci sono tra le due culture per eccellenza, quella umanistica e quella scientifica. Lo consiglio a chi volesse approfondire la tematica ma non a chi si aspetta un libro leggero e "da intrattenimento". La mia recensione, pubblicata sul mio blog, si raggiunge seguendo il seguente link: http://libri-stefania.blogspot.it/2013/01/matematica-e-letteratura-s-beccastrini.html

    2. LA LIBRAIA DI ORVIETO (Valentina Pattavina)
    L'ho concluso da qualche giorno e lo consiglio caldamente. E' un libro che avevo in casa da tempo ma che, per un motivo o per l'altro, era rimasto in coda alla mia lista dei libri da leggere. Poi, vuoi per la sfida vuoi perchè non avevo voglia di iniziare una lettura più corposa (in casa avevo libri da leggere ma da 500 pagine in su) l'ho preso tra le mani e l'ho scoperto. Positiva scoperta. Un giallo un po' particolare, una narrazione scorrevole, a tratti divertente ma anche intensa, con personaggi che rapiscono per la loro particolarità. Lo suggerisco. La mia recensione è qui: http://libri-stefania.blogspot.it/2013/01/la-libraia-di-orvieto-v-pattavina.html.

    Per il momento sto leggendo un autore straniero. Ti terrò aggiornata sui progressi. Ho pubblicato un post nel quale periodicamente agggiornerò i miei progressi: http://lafedelibrovora.blogspot.ch/2013/01/sfida-di-lettura-io-leggo-italiano.html.
    Buona lettura a tutti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "La libraia di Orvieto" lo avevo sentito ma non lo avevo mai preso in considerazione, devo rivalutarlo!
      Ciao

      Elimina
    2. Scusa, quando commenti mi puoi ricordare che sei Stefania2, altrimenti faccio pasticci (soprattutto se una di voi decide di cambiare avatar) grazie!

      Elimina
    3. Non riesco ad aprire il secondo link, mi dice che la pagina non esiste :(

      Elimina
    4. Io lo vedo, sei stato attento a non prendere il punto finale?

      Elimina
    5. Eccomi di ritorno per un aggiornamento. Sono la Stefania 2 (mi sono ricordata di ricordartelo).
      3. SOLA COME UN GAMBO DI SEDANO - Luciana Littizzetto. Non è un capolavoro della letteratura italiana e non è che mi aspettassi qualche cosa di diverso. Fa ridere (a volte), sorridere (a volte), a volte no ma si legge senza troppi pensieri. La mia recensione è qui:
      http://libri-stefania.blogspot.it/2013/02/sola-come-un-gambo-di-sedano-luciana.html

      Elimina
    6. 4. IO, TITANIC (Fulvia Degl'Innocenti - Sonia Maria Luce Possentini): pubblicato in occasione dei cento anni dalla tragedia del Titanic, questa volta a parlare è la nave. Molto originale e toccante.

      http://libri-stefania.blogspot.it/2013/02/io-titanic-f-deglinnocenti-sml.html

      Elimina
    7. 5. TRE ATTI E DUE TEMPI (Giorgio Faletti). Ambientato nel mondo del calcio. Protagonisti un padre ed un figlio che rischia di commettere lo stesso errore che ha portato suo padre in galera. Trovate la recensione al link: http://libri-stefania.blogspot.it/2013/02/tre-atti-e-due-tempi-g-faletti.html

      Elimina
    8. 6. GENERAZIONE CLOUD. ESSERE GENITORI AI TEMPI DI SMARTPHONE E TABLET.
      Trovi una recensione al seguente link: http://libri-stefania.blogspot.it/2013/03/generazione-cloud-facci-valorzi-berti.html

      Elimina
  2. Io finora ne ho letto uno, ovvero "Le Cronache di Gaia - Pearls" di Claudia Tonin.
    Un bel libro di fantascienza, a tratti inquietante, che emoziona e fa riflettere. Son curioso di leggere il seguito!
    Qui la mia recensione: http://storiedentrostorie.blogspot.it/2013/01/speciale-le-cronache-di-gaia-pearls-tappa-2-recensione.html

    I progressi li segnerò anche in questa pagina: http://storiedentrostorie.blogspot.it/p/challenges.html

    :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi incuriosisce molto quel libro, mi riprometto sempre di leggere più fantascienza ma poi non mantengo...

      Elimina
  3. Buongiorno :)

    Io ho letto: IL DIARIO DI ISABEL di ISABEL C. ALLEY (è uno pseudonimo di un'autrice emergente italiana).
    E' un paranormal romance per adulti in cui, attraverso l'espediente del diario, si raccontano le vicende di Isabel, diventata cacciatrice di vampiri dopo aver conosciuto il bello ma cinico e spietato mezzo-vampiro Andrea. Il libro non mi è piaciuto molto perché vi sono un po' troppe scene spinte (di passione) per i miei gusti, di solito preferisco paranormal romance più soft. Anche se la parte più avventurosa della storia è divertente.
    Qui la mia recensione: http://cluburbanfantasy.blogspot.it/2013/01/recensione-il-diario-di-isabel.html

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Neanch'io amo le scene spinte, per cui passo!

      Elimina
  4. Ciao a tutti! Io a gennaio ho letto Fai bei sogni di Gramellini. In pratica è l'autobiografia dell'autore e di come la morte della madre abbia influenzato tutta la sua vita, nel bene e nel male. E' un libro commovente, che consiglio sicuramente! Qui la mia recensione completa:
    http://www.anobii.com/0134682f7fe228c140/books (libreria di anobii)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già letto! Sul blog si trova anche la mia recensione ^_^ Bello

      Elimina
    2. Lo leggerò a breve anch'io ;)

      Elimina
  5. Buongiorno cara :)
    io al momento ho letto troppi libri italiani:
    1 Il profumo dell'amore ritrovato di Eliselle, veramente molto carino, frizzante e simpatico. uno scacciapensieri
    http://illibrochepulsa.blogspot.it/2013/01/recensione-il-profumo-dellamore.html
    2Implosion di M.j.Heron, ben articolato, piacevole e scorrevole
    http://illibrochepulsa.blogspot.it/2013/01/recensione-implosion-di-mj-heron.html
    3Nessuno sa di noi di Simona Sparaco, un libro toccante che fa vibrare le corde del cuore, affronta il tema dell'aborto terapeutico
    http://illibrochepulsa.blogspot.it/2013/01/recensione-nessuno-sa-di-noi-di-sparaco.html
    4Touched di Elisa S,Amore, libro che si allontana dal mio "genere" preferito,però tutto sommato è stata una piacevole lettura
    http://illibrochepulsa.blogspot.it/2013/01/recensione-touched-di-elisa-samore.html
    5La discendente di Tiepole di Alessandra Paoloni, bel libro, bella storia.. poi adoro le streghe,quindi :)
    http://illibrochepulsa.blogspot.it/2013/01/recensione-la-discendente-di-tiepole-di.html

    per oggi è tutto :)
    3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma sì va, per un po' leggi altro ;D

      Elimina
    2. aggiungo la recensione di Buona fortuna di Barbara Fiorio http://illibrochepulsa.blogspot.it/2013/02/recensione-buona-fortuna-di-barbara.html

      piacevole lettura con un grande significato di fondo. Avevo gia amato l'autrice con "chanel non fa scarpette di cristallo"

      Elimina
    3. 7. recensione il bacio della morte di Marta Palazzesi
      http://illibrochepulsa.blogspot.it/2013/02/recensione-il-bacio-della-morte-di.html
      libro scorrevole e piacevole, non avendo metri di paragone con altri libri analoghi ,non ho trovato gli aspetti negativi e di somiglianza con l'accademia dei vampiri come tanti dicono. Da neutrale, perchè non esperta del genere, posso solo dire che può essere un ottimo punto di partenza per l'autrice

      Elimina
    4. 8. I ricordi non si lavano di Aurora Frola http://illibrochepulsa.blogspot.it/2013/02/recensione-i-ricordi-non-si-lavano-di.html
      è un libro molto profondo, delicato e che ti tocca nel profondo. Affronta un tema molto attuale, spesso mal gestito nella società.
      Una protagonista tangibile ed emozionante, consiglio la lettura a chi cerca qualcosa di profondo.

      Elimina
  6. Io al momento ho letto un libro di un'autrice italiana (povera me mi ha deluso un sacco XD) parlo di Touched di Elisa S. Amore che oltre ad essere pieno di errori grammaticali e di sintassi imbarazzanti, è una scopiazzatura di Twilight mal riuscita D:

    Comunque è tutto spiegato benissimo nella mia triste ma veritiera recensione :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io non lo avrei letto comunque ^^ mi dispiace ma il mio tempo dedicato alla lettura è prezioso...

      Elimina
    2. Eh non hai mica tutti i torti sai? Nel tempo sprecato a leggerlo... avrei potuto leggere un sacco di romanzi meravigliosi che mi aspettano da un sacco :/

      Elimina
    3. Eh lo so, giusto ora ho abbandonato un romanzo perchè non mi piaceva. Se dopo 150 pagine guardi le altre 200 e ti prende male meglio lasciar perdere!

      Elimina
    4. In teoria questo sarebbe uno dei miei propositi per l'anno nuovo XD "Lasciar perdere un libro se vedo che non mi piace senza finirlo per forza" mi sa che devo iniziare a mettere in pratica :P

      Elimina
  7. Ciao :D
    io mi sono appena iscritta alla challenge spero di aver capito tutto sui punteggi.
    Metto di seguito la recensione di gennaio dell'italiana che ho letto Marta Palazzesi, Il bacio della Morte di Giunti Y
    http://silviadaveri-autorialblog.blogspot.it/2013/01/recensione-il-bacio-della-morte-di.html

    RispondiElimina
  8. Titolo:"Il catino di zinco"
    Autore: Margaret Mazzantini
    Pagine: 190
    Data di pubblicazione: Ottobre 1998
    Editore: Mondadori
    Collana : I Miti
    Trama:
    Il libro narra del rapporto tra nonna e nipote. Si apre con la morte della nonna e le impressioni della nipote che si ritrova a ripercorrere i ricordi che ha di questa figura matriarcale. Il libro si snoda raccontando la storia della vita della nonna che prima passa una giovinezza semplice, fatta di molti tabù (vedi ad es. l'episodio di quando alla ragazza vengono le prime mestruazioni) , poi passa alla maturità e al matrimonio, quindi alla nascita dei figli, 4 in tutto, (uno dei quali muore da bambino di tifo a causa dell'ignoranza che regnava sovrana in quel tempo e della malasanità), e infine alla vecchiaia e alla morte del marito. Un passaggio che mi ha colpito è quello del dialogo tra la nonna e la madonna quando anche il suo terzo figlio decide di partire per la guerra. Tuttavia il romanzo mi ha molto delusa, mi aspettavo un capolavoro, visto quanto è osannata questa scrittrice! Non mi piace come è scritto, a tratti diventa proprio volgare e scurrile. Tra l'altro i rapporti tra nonna e nipote non sono affatto come si ci aspetta che dovrebbero essere. Ho fatto fatica a leggerlo, è lento e molto "popolare" nel modo di esprimersi, pur essendo brevissimo (soprattutto per ciò a cui sono abituata) c'ho messo parecchio tempo a finirlo e a tratti ho pensato di abbandonarlo. Non lo consiglio affatto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ho mai letto nulla della Mazzantini ma al momento non mi attira... Il tuo parere non ajuta!

      Elimina
    2. Della Mazzantini io ho letto il bellissimo "Venuto al mondo" che mi ha molto toccata. Molto bello. Poi con "Non ti muovere" siamo andati leggermente in discesa per capitolare definitivamente con "Nessuno si salva da solo". Non mi sentivo affatto attirata da "Il catino di zinco" perchè il mio indice di gradimento rispetto alla Mazzatini è sceso sotto ai minimi storici e tu me ne dai conferma ;-) eviterò con cura

      Elimina
    3. Mi sa che leggendo il suo libro di esordio ho beccato il peggiore ahah mi hanno parlato molto bene di "venuto al mondo" e di un altro del quale non ricordo il titolo.. cmq non mi arrendo almeno un'altra occasione gliela darò e poi ti farò sapere ;) un bacio ;)

      Elimina
  9. Ciao!
    Per ora ho letto "Piccoli equivoci senza importanza" di Antonio Tabucchi.
    Si tratta di una raccolta di racconti, scritti con il magnifico stile cui l'autore di "Sostiene Pereira" ci ha abituati. Sono forse di parte, perché la sua scrittura mi affascina moltissimo: le sue stesse parole vanno a costituire la trama dei racconti.
    Molto scorrevole, assolutamente consigliato.
    Vi lascio qualche riga: "Si abbandonò a questa sensazione infantile, seguendo Françoise: e il sentire una bambina dimenticata che perforando macerie di anni affiorava da profondità sepolte dentro il suo corpo stanco di vecchia, le dette di nuovo una struggente voglia di piangere, di singhiozzare senza ritegno; ma anche una leggerezza, quasi una frenesia: per un attimo sentì che quella bambina che si era affacciata dentro di lei avrebbe potuto mettersi a saltellare, a fare un girotondo, a canticchiare una filastrocca. E quanto le aveva dato voglia di piangere le tolse anche la voglia di piangere: e poi dalla biblioteca traboccava una luce cruda, il pavimento era percorso da cavi e qualcuno parlava a voce troppo alta".

    Qui la mia recensione: http://seunanottedinvernounlettore.wordpress.com/2013/01/19/momenti-epifanici-in-antonio-tabucchi-piccoli-equivoci-senza-importanza/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mai letto Trabucchi, prima o poi rimedierò.

      Elimina
    2. Ti consiglio assolutamente "Sostiene Pereira" e "Tristano muore" :)

      Elimina
    3. Aggiornamento: "Il deserto dei Tartari" di Dino Buzzati.
      È una rilettura, ma spero che valga comunque.
      Si tratta di un romanzo difficilmente classificabile, alla ricerca di un fine ultimo della vita: il protagonista lo troverà nell'attesa stessa di un evento...
      Qui la recensione:
      http://seunanottedinvernounlettore.wordpress.com/2013/02/23/lattesa-come-stile-di-vita-il-deserto-dei-tartari-di-dino-buzzati/

      Elimina
    4. Ciao, purtroppo si era deciso già fin dal'inizio che le riletture non valgono mi dispiace!
      Ma è una lettura molto interessante che non ho mai affrontato anche se sono stata spesso tentata in passato. Poi si cambia idea... E certi titoli si perdono per strada. Devo recuperare.

      Elimina
  10. Eccomi!
    Nel mio blog, parto con la biografia di Mattei, di Carlo Maria Lomartire:
    http://lafedelibrovora.blogspot.it/2013/02/sfida-di-lettura-io-leggo-italiano.html

    Essendo oggi venerdì, con questo post vado anche a partecipare al Venerdì del Libro di HomemadeMamma.
    http://www.homemademamma.com/2013/02/01/venerdi-del-libro-la-danza-della-rabbia/comment-page-1/#comment-139690

    :)
    Buona lettura a tutti!
    Barbara

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi sa che hai sbagliato il primo link!

      Elimina
    2. Oh porca uacca!
      Hai ragione!

      ecco il link corretto:
      http://4ciaccole.blogspot.it/2013/02/mattei-storia-dellitaliano-che-sfido-i.html

      Grazie mille e scusa il pasticcio
      :)))
      Barbara

      Elimina
  11. Eccomi per il primo aggiornamento!

    A fine gennaio ho letto "Marcovaldo" di Italo Calvino! Mi è piaciuto davvero molto... Queste storie raccontate a mo' di favole moderne, racchiudono in realtà molto di più. Ecco che Calvino ci mostra a modo sua La città, una qualsiasi metropoli industriale, in cui l'uomo ha perso l'armonia tra sè e l'ambiente in cui vive e Marcovaldo, buffo e melanconico, sempre con il naso all'insù, alla ricerca della Natura. Ci sono immagini che fanno sorridere, altre riflettere, ma è sicuro che un velo di malinconia ricopre tutte le 20 novelle e lascia un po' di amaro in bocca e un peso sul cuore che è difficile da spiegare. Marcovaldo però non è mai un pessimista, anzi, è sempre pronto a scoprire quello spiraglio di bellezza nel mondo in cui vive, (le stelle in cielo 20 secondi sì 20 secondi no a causa delle luci di un cartello pubblicitario, i funghi in un aiuola della piazza...) e nonostante tutto, è sempre pronto a ricominciare. Bello!

    CaraLioTiScrivo

    RispondiElimina
  12. Ne ho letti un bel po' in gennaio e provo a fare vari post (tu Federica, poi radddrizzami il tiro). Questi commenti li avevo già postati sulla mia bacheca FB a partire dall'inizio di gennaio (oltre che su IBS. Avverto che ci asono anche libri vecchi, io sono un po' demodé.

    LA SCRITTRICE CRIMINALE (ED. ASTORIA) – MARINA MORPUGO
    Scrivere non è facile. Eh, no! Lo sa bene una Scrittrice Potenziale che ha bisogno di assoluto silenzio in casa (e per favore che non s'intralci la sua ispirazione con questioni ordinarie tipo pranzi, cene, detersivi, scuola, bollette). Ma l'esposizione non giova e fuori c'è chiasso e la luce è troppa o troppo poca. Ecco perché una Scrittrice Potenziale diventa LA SCRITTRICE CRIMINALE, nella brillante penna di Marina Morpugno che in un crescendo di ilarità e fantasia (ma quanto fondo di verità c'è? nemmeno tanto in fondo? Lo sa bene l'autrice che è giornalista e ogni giorno tocca con mano la realtà editoriale) ci svela la storia di un plagio letterario clamoroso. Divertente, illuminante e coraggiosa, la nostra protagonista tira anche le orecchie al Manzoni che ha fatto tramontare il sole dietro il monte Resegone: «Imbecille! Somaro! Il Resegone ce lo avevi a est! Dove guardavi?» Confermo, io lo vedo da uno dei miei balconi (il monte, non l'Alessandro, naturalmente). Da leggere subito! Grazie alla fantastica libraia mia amica per avermi regalato questa chiccosissima chicca.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non lo avevo mai sentito ma finisce in lista desideri, già mi è simpatica la protagonista!

      Elimina
    2. fa morire dal ridere!

      Elimina
  13. GLI ALTRI (BUR RIZZOLI) – MICHELE PRISCO
    "Gli altri", di Michele Prisco è un bellissimo libro, di alta letteratura, che procede su due registri, quello narrativo, incentrato su un singolare accadimento che scuote Amelia Jandoli, un'anziana maestra di ricamo dalla vita piatta, e quello memorialistico, che riguarda l'esperienza dell'autore relativamente alla scrittura di quel romanzo - preso, lasciato, ripreso. Una storia forte e avvincente dall'italiano a dir poco divino, che permette a noi lettori una lecita invasione della privacy di uno scrittore magistrale. Con sua stessa (di Prisco in persona, cioè) sorpresa finale per un epilogo che ha preso il sopravvento sulla penna. Perché la buona scrittura vive di vita propria.

    RispondiElimina
  14. LA BAMBINA DAI CAPELLI DI LUCE E VENTO (FANUCCI) - LAURA BONALUMI
    Premesso che a me la neve piace principalmente in cartolina, che il freddo mi fa venire i geloni, che tra 11 e 90 anni sono ben oltre la metà, questo libro è delizioso! Fa appassionare e commuovere, fa tornare adolescenti, fa credere nelle fiabe e nei miracoli, fa appiccicare al soffitto stelline adesive fosforescenti, fa amare la lettura e apre un nuovo orizzonte sui rapporti familiari, che non si sviscerano mai abbastanza. Last but not least, LA BAMBINA DAI CAPELLI DI LUCE E VENTO di Laura Bonalumi, fa venire voglia di regalarsi una nuova capigliatura. E a tal proposito una domanda sorge spontanea: che shampoo userà mai Emily?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo era già in lista desideri, altrimenti ci finiva pure lui...

      Elimina
  15. REGALO DI NOZZE (GARZANTI) – ANDREA VITALI
    Un nuovo libro di Andrea Vitali è sempre un regalo che l'autore mi fa; mai come in questo caso il titolo è appropriatissimo. Non posso, dunque, che ringraziarlo del dono, della freschezza, della compagnia, della vitali-tà.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo ce l'ho! Non vedo l'ora di leggerlo!

      Elimina
  16. TRE CUORI E UN BEBÈ (ARPANET) – SILVIA MANGO

    Il libro con cui ho chiuso il 2012, e che ho chiuso con un sorriso (il libro, cioè - e alla faccia della crisi e dei Maya che non ci hanno preso anche l'anno) e ho aperto il 2013 è: 3 CUORI E UN BEBÈ di Silvia Mango, edito da Arpanet, casa editrice che già conoscevo per delle suggestive iniziative editoriali passate. Questo è un romanzo che regala emozioni positive, anche se Giada - la protagonista - nel momento in cui le cose si mettono bene deve sempre cozzare contro la realtà: una realtà dura e spietata che la mano sicura di Silvia narra con leggiadria e ottimismo, con talento maturi. E, lodevolmente, senza ricorrere ad agevoli, banali e strausati escamotage letterari, anzi pseudo-letterari. Anche se, stando alla legge di Murphy, il toast cade sempre a terra dalla parte del burro e tutte le cose vanno male contemporaneamente, anche se si perdono tante battaglie in quel corso d'opera che è la vita, a contare è la guerra finale. E quella, Giada la vince, come l'ha vinta Silvia, ogni volta che - pur essendo stanca - non sono riuscita a staccare gli occhi dalle pagine di questo suo rutilante romanzo che ho bevuto in pochi sorsi. E come me chissà quanti altri lettori. Una commedia all'americana, o piuttosto all’italiana, da non perdere, i cui fotogrammi sembra di vedere susseguirsi davanti agli occhi, però, sull'inconsueto scenario nizzardo scelto dall'autrice.

    RispondiElimina
  17. MILIONI DI MILIONI (SELLERIO) - MARCO MALVALDI
    Finalmente un giallista lieto, uno che non vuole stupire con effetti speciali o impressionare con pennellate cupe, ma con l'umorismo e l'allegria della caratteristica e simpaticissima tradizione toscana, uno capace di scrivere un giallo senza fuoriuscita di materia cerebrale, senza organi squarciati e altre mostruosità, ma semplicemente intorno a una vecchia signora che sembra addormentata. Un autore, Marco Malvaldi che scrive senza autoincensarsi, imbrodarsi, celebrarsi, né per il piacere di ascoltarsi, ma per divertirsi e divertire. Scoperto (ahimé solo ora, ma mi rifaccio subito) grazie a un'amica libraia, da uno a cento mi è piaciuto Milioni di milioni.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. So che anche a te, come a me, i gialli non fanno impazzire, quindi questo deve essere davvero diverso dal solito! Me lo segno (pure questo)

      Elimina
  18. TERRE BASSE (RIZZOLI) – MICHELE PRISCO
    Un libro indicatissimo anche per chi si cimenta nella scrittura è TERRE BASSE di Michele Prisco. Non ho capito il collegamento con il titolo (mea culpa), ma è secondario. Quel che è certo è che si tratta di un percorso narrativo straordinario (25 racconti scritti nell’arco di 50 anni… racconti per modo di dire, alcuni sono molto di più anche in termini di corposità) in cui l’autore ci accompagna mano nella mano – e penna tra le dita. Noi vediamo l’evoluzione della scrittura che parte già matura nel 1941 (quando Prisco era appena ventenne) e si raffina nel corso dei decenni, fino al 1991; una scrittura che insegna senza dire, e dice emozionando; finali che lasciano a bocca aperta, ma il cuore sazio.
    Alta letteratura, come ho già detto, parlando di questo autore.
    E aggiungo, in questo caso, un impagabile manuale di scrittura, che però non essendo un manuale, non contiene regole e consigli, ma solo suggestioni e genialità narrativa. Gratuite, come tutte le cose veramente grandi.

    PS: Non più in disponibile in commercio, si trova solo in biblioteca.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bellissimo ma non vale per la sfida! I libri devono essere di 10 autori differenti, da regolamento. Ma sono contenta di aver conosciuto quest'autore, devo leggere qualcosa di suo assolutamente.

      Elimina
  19. Federica, per ora è tutto!
    Ho inoltrato l'invito che hai mandato su FB ai miei allievi e ho visto che qualcuno ha aderito. Bene, la lettura è la vera, grande insegnante di scrittura (a parte l'antica maestra elementare).
    Un abbraccio e alla prossima recensione.

    RispondiElimina
  20. Ciao Federica, ti confesso che non sono una mangiatrice di libri (anche se mi piace leggere) peró accetto volentieri l'invito della mia amica Loredana Limone.
    Il problema é che non sono molto brava a fare recensioni, cercheró di impegnarmi al meglio!!
    Sono pronta, iscrivimi pure!!
    A presto!!
    Annalisa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi fa piacere! Provare sarà sicuramente divertente!

      Elimina
  21. Eccomi con il primo libro dell'anno ma prima voglio ringraziarti Federica perchè grazie a questo spazio sto conscendo parecchi titoli interessanti. :)

    L' ombra della Luna di Laura Randazzo edito da EmmaBooks (c'è solo la versione digitale).
    Urban fantasy con tendenze romance non troppo accentuate (almeno per ora). Primo libro di una serie. Un libro decisamente buono, l'autrice è un esordiente, molto dinamico e ricco di azione, i personaggi sono intriganti e il mondo creato dall'autrice è ben strutturato (fondamentale per me quando si parla di Fantasy e affini). Non è un libro perfetto ma per essere il primo libro di una saga non è affatto male. L' elemento che più ha colpito è di certo il personaggio femminile che per un volta, in questo genere, è centrale. Una tipa tosta umana, una che fa combattimenti clandestini non può che starmi simpatica, inoltre è sempre fedele a se stessa, mai svenevole o mielosa, porta avanti le sue idee con decisione e fermezza e non si sente mai inferiore al compagno. l'elemento romance in questo volume è poco presente e ho avuto la sensazione che l'autrice non sapesse ancora come dare voce a quel lato della storia. Il linguaggio è un po' povero ma secondo me ci sono degli ottimi presupposto per i prossimi libri. A chi piace il genere Ward et simili ma senza l'elemento sesso accentuato e "grossolano" potrebbe piacere.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'unico altro parere che ho letto di questo libro era molto negativo... Temo che verranno prima altre letture...

      Elimina
    2. Mi rendo conto che quello possa succedere se hai come riferimenti libri paranormal romance fatti e finiti. La presenza di elementi come Licantropi e Vampiri, protagonisti della storia ,non aiuta, sopratutto in un periodo come questo in cui il genere non solo è agli sgoccioli ma anche abusato. Il libro ha delle pecche ma potenzialmente la saga e il mondo creato dall'autrice ha molto da dare. Di certo non è un libro per cui strapparsi i capelli se non lo si trova ma in futuro, se i presupposti rimangono, con i libri successivi, l'intera saga potrebbe acquistare decisamente più valore.

      Elimina
    3. grazie Elena per i tuoi commenti e la tua fiducia. Il secondo libro della saga è uscito ad ottobre, spero che risulti più maturo :)

      Elimina
  22. Eccomi qui con il mio resoconto delle letture italiane del mese di gennaio.

    - La discendente di Tiepole di Alessandra Paoloni. Un libro che mi ha subito affascinato, alcuni dettagli e alcune scene non sono molto originali, ma è un libro molto intrigante, mi è piaciuto molto.

    - Petali di Sangue di Emma K. Clarke. Altro libro interessanti, alcuni personaggi mi hanno fatto storcere un po' il naso a causa delle loro scelte e dei loro atteggiamenti, ma l'autrice ha avuto idee molto originali e la lettura è stata molto scorrevole.

    - Cuorenero di Elisa Puricelli Guerra. Un romanzo per ragazzi che mi è rimasto dentro, mi ha fatto tornare un po' bambina e adolescente, mi ha emozionato moltissimo. L'ho talmente adorato che gli ho dato il rating massimo.

    - Il bacio della sirena di Pasquale Capraro. Un romanzo colmo di poesia, scorrevole e pieno di sensazioni date dall'amore, purtroppo non è riuscito ad emozionarmi come avrei voluto.

    - Il bacio della morte di Marta Palazzesi. Due protagonisti favolosi, una storia di base interessante e intrigante. Purtroppo l'autrice non è riuscita a narrarla come avrei voluto e il romanzo mi è risultato un po' noioso.

    Per ora ho concluso. Ed ho una piccola domanda. Credo lascerò un commento di aggiornamento recensioni alla fine di ogni mese, dunque il prossimo lo lascerò alla fine di febbraio. Dovrò commentare sempre qui? Oppure nel prossimo post che creerai? (Scusami, so che sono un po' rompiscatole, ma non voglio fare errori xD)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dipende, se sarà già aperta quella di Marzo puoi commentare in quella, tanto l'importante è che gli altri partecipanti possano vedere i commenti di tutti e scoprire nuovi titoli.

      Di quelli che hai letto mi attira da sempre "Cuorenero", piace proprio a tutti per cui ci tengo a leggerlo presto anch'io!

      Elimina
  23. Ciao, Federica, mi chiamo come te e scopro con piacere questa bella iniziativa!Io leggo prevalentemente autori italiani, anzi con netta preferenza per le scrittrici!:-)Partecipo con il libro LE DIFETTOSE di Eleonora Mazzoni e ti lascio il link alla pagina in cui ho intervistato la scrittrice: http://www.lenuovemamme.it/lopinionedellemamme/le-difettose-intervista-allautrice/
    Se ti va seguimi nella mia nuova rubrica di Best Sellers ogni giovedì faccio una nuova recensione: http://www.lenuovemamme.it/lopinionedellemamme/category/e/best-sellers/
    Avevo adocchiato "La mia anima è ovunque tu sia" ma ho letto che non ne sei rimasta entusiasta!:-)Vengo a cercarti su Anobii!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "La mia anima è ovunque tu sia" l'ho letto in 2 ore quindi non posso dire che non mi sia piaciuto, ma con il triplo delle pagine sarebbe stato meglio, diciamo!

      Comunque benvenuta! Se mi mandi in tuo indirizzo anche in privato (il mio è nei Contatti) ti terrò aggiornata sulla sfida!

      Elimina
  24. P.S. ho condiviso il banner nella colonna di sinistra del mio blog!

    RispondiElimina
  25. Ti riporto i link delle recensioni, d'ora in poi lascio anche un commentino!

    1) Volo Basso - Lucio Giunio Bruto
    http://slamdunk90.blogspot.it/2013/01/volo-basso-lucio-giunio-bruto.html
    2) A scuola con portamento - Antonella Sgueglia
    http://slamdunk90.blogspot.it/2013/01/a-scuola-con-portamento-antonella.html
    3) Io e te - Ammaniti
    http://slamdunk90.blogspot.it/2013/01/io-e-te-niccolc-ammaniti.html
    4) E tacque attorno a te il silenzio - Mussapi
    http://slamdunk90.blogspot.it/2013/01/e-tacque-attorno-te-il-silenzio-roberto.html
    5) Don Camillo - giovannino Guareschi
    http://slamdunk90.blogspot.it/2013/01/don-camillo-giovannino-guareschi.html
    6) Lettera ad un bambino mai nato - Oriana Fallaci
    http://slamdunk90.blogspot.it/2013/01/lettera-ad-un-bambino-mai-nato-oriana.html

    :))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La recensione di "Volo basso" era mitica ;D

      Elimina
  26. Queste sono le mie recensioni:

    1) Ti prego lasciati odiare - Anna Premoli
    http://www.goodreads.com/review/show/505052440


    2) Black Friars - L'ordine della Chiave - Virginia de Winter
    http://www.goodreads.com/review/show/426242057

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo leggo presto anch'io "Ti prego lasciati odiare", promette benissimo!

      Elimina
  27. Aggiorno riportando la mia seconda lettura.

    Voglio specificare che io di solito leggo quasi tutti urban fantasy o paranormal romance (visto anche il nome del mio blog "Club Urban Fantasy" xD) perchè amo molto questo genere, e mi piace sperimentare letture di autrici esordienti (anche se a volte si può rimanere delusi).

    Per cui ho letto l'opera prima di un'altra autrice emergente, PETALI DI SANGUE di Emma K. Clarke (pseudonimo).
    Protagonista del romanzo è Giosy, una strega che non vuole accettare i suoi poteri e Carter un vampiro molto dolce, in un mondo popolato da varie creature immortali/magiche dai vampiri ai licantropi alle streghe. Un romanzo che mi è piaciuto malgrado i difetti che ho riscontrato e che ho elencato nella mia recensione.

    http://cluburbanfantasy.blogspot.it/2013/02/recensione-petali-di-sangue.html#more

    RispondiElimina
  28. ciao sono Merido
    il mio primo libro italiano del 2013 è
    LE PARROCCHIE di REGALPETRA di Leonardo Sciascia

    già da questo primo libro scritto nel 1956 si intravede il nucleo fondamentale di tutto quello che sarà poi la produzione dello scrittore
    Ragione e denuncia, ragione e passione civile, ragione imprescindibile per la libertà e la giustizia fra gli uomini.
    Regalpetra non esiste, è un nome di fantasia, ma le vicende di cui si narra sì che esistono e narrano di sopraffazione dei latifondisti, di arroganza dei potenti, di violenza dei mafiosi, di corruzione di politici, di condizioni di vita inumana nelle saline e nelle zolfatare ( bellissima la descrizione della salina quasi a voler contrapporre la magnificenza della natura alla bruttezza dello sfruttamento di chi ci lavora)
    Parte da lontano la storia del paese “inventato”, dal 1600 circa attraversa l’unità d’Italia, il fascismo e arriva al dopoguerra , alla “democrazia” ma invariabilmente le condizioni dei più poveri, dei servi della gleba di un tempo,sembra sempre la stessa miserevole e dolorosa e Sciascia, maestro insoddisfatto ,si domanda nelle Cronache scolastiche (nucleo originale da cui poi nascerà l’intero libro) come si può pensare di portare nella scuola, di far interessare allo studio dei “carusi” che vivono in cotanta miseria e magari devono riportare a casa il padre ubriaco o sono essi stessi costretti a lavorare prima di andare a scuola o che, come racconta nel bellissimo capitolo finale La neve , Il Natale , vincono al gioco qualche spicciolo e il padre li prende per andare a ubriacarsi.
    Bellissimo libro, amara memoria, libro importantissimo per tutti ma credo soprattutto per i siciliani

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un libro importante... Ho coscienza di me e so di non essere ancora abbastanza matura per apprezzarlo, ma me ne ricorderò ^_^

      Elimina
    2. Sono Catanese e ammetto che ho fatto l'errore di non aver ancora mai letto un libro di Sciascia.. Ma provvederò presto prometto.. segno questo insieme a : "Il giorno della civetta" e "A ciascuno il suo" dei quali ho sentito parlare molto bene.. Altri da suggerire??

      Elimina
    3. Il consiglio d'Egitto,Il mare colore del vino, Todo modo .....
      per me comunque Sciascia è da leggere "paro-paro" ;)
      ciao, Merido

      Elimina
    4. grazie ;) li metto in lista ;)

      Elimina
  29. Mi sono iscritta oggi quindi segnalo le letture di gennaio:
    1. Il bacio della morte di Marta Palazzesi
    Un libro YA fantasy con elementi paranormali (i protagonisti sono demoni), primo di un trilogia/saga l'autrice scrive molto bene ma molte "idee" che ha avuto non vengono sviluppate, spero che lo fara nei seguiti.
    La mia recensione completa qui:
    http://libriepopcorn.blogspot.it/2013/01/il-bacio-della-morte-di-marta-palazzesi.html

    2. Io sono il Libanese di Giancarlo De Cataldo
    Questo libro mi ha un po deluso, non aggiunge molto alla storia di romanzo criminale e la caratterizzazione dei personaggi non è fatta per niente bene.
    La recensione completa qui:
    http://libriepopcorn.blogspot.it/2013/01/io-sono-il-libanese-di-giancarlo-de.html

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie!!!
      Aggiungo un nuovo libro.
      3. Come il vento tra i capelli di Lorenza Bernardi
      Un libro molto dolce, una scrittura fluida, paesaggi mozzafiato
      Qui la recensione completa:
      http://libriepopcorn.blogspot.it/2013/02/come-il-vento-tra-i-capelli.html

      Elimina
    2. 4. Perfetto di Alessia Esse
      di questo libro ho apprezzato molto l'originalità della trama e la cura dei dettagli usata dall'autrice. Lo consiglio a chi ama il genere dispotico.
      Recensione completa qui:
      http://libriepopcorn.blogspot.it/2013/02/perfetto-di-alessia-esse.html

      Elimina
  30. Io a gennaio ho letto TROPPO PIOMBO, il secondo romanzo della serie "Les Italiens" di Enrico Pandiani. In questi romanzi si narrano le vicende di un gruppo di poliziotti di origine italiana a Parigi. In questo secondo romanzo in particolare si indaga a proposito degli omicidi di alcune giornaliste, che paiono incentrati su una sfilata di moda e la rivolta delle banlieu. Il ritmo è molto buono, la scrittura non è male, anche se a volte il protagonista è un po' Chuck Norris e le donne si comportano come attrici di film porno e non come persone normali. Su anobii gli ho dato tre stelline.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ah, dimenticavo! su anobii sono iscritta come Claudia :)

      Elimina
  31. Merido

    secondo libro letto a gennaio
    LA COLLINA DEL VENTO di Carmine Abate
    in genere diffido dei vincitori di premi ma Abate mi incuriosiva sia perchè calabrese ( terra che amo molto e di cui conosco pochissimi scrittori) sia perchè appartenente alla comunità arbereshe ( gli albanesi d'Italia) e mi interessava approfondire qualcosa in più di queste popolazioni.
    Il libro però si è rivelato una mezza delusione
    Una saga familiare un po' piatta sia nella scrittura che nei contenuti, non solo piatta ma a volte decisamente ridicola nel mettere in bocca ad alcuni personaggi un linguaggio non in linea con l'epoca di cui si narra; una saga familiare che sembra costruita ad arte e quindi un po' artificiosa.
    Non nego che ci siano aspetti che mi son piaciuti come il profondo legame con la propria terra ( cosa che conosco molto bene), l'importanza della memoria, la fierezza e l'orgoglio nella lotta contro i padroni, la rievocazione di alcune figure come quella Zanotti- Bianco ( quasi dimenticato ormai)
    aspetti che forse meritavano un maggiore approfondimento

    RispondiElimina
  32. 1 - L’amica geniale, Elena Ferrante
    2 – Esercizi sulla madre, Luigi R. Carrino
    3 - Amen, Ilaria Milandri

    Tutte le mie recensioni potrete trovarle nella mia libreria anobii
    http://www.anobii.com/mari73/books

    tranne quella del terzo libro perchè devo scriverla per il blog Corpi Freddi e non posso pubblicarla prima. Vi faccio un breve riassunto. Si tratta di un noir ambientato nella campagna Bolognese. Tre preti vengono brutalmente assassinati con l'accusa di pedofilia. Un investigatore deve riuscire a smascherare il killer e allo stesso tempo affrontare una realtà in cui i valori della fede e della Chiesa vengono messi in discussione.

    RispondiElimina
  33. Aggiorno nuovamente con la mia terza lettura.
    Ho finito di leggere PATTO CON IL VAMPIRO di Tiziana Cazziero, un urban fantasy che parla di patti tra vampiri e streghe, di streghe nere e streghe bianche, di lotta tra il bene e il male. Il romanzo non mi ha appassionata tantissimo, forse anche per via del fatto che è veramente molto breve. Comunque potete leggere la recensione sul mio blog.
    http://cluburbanfantasy.blogspot.it/2013/02/recensione-patto-con-il-vampiro.html

    RispondiElimina
  34. Questa è la mia prima lettura, gennaio:
    Noi di Walter Veltroni. Edito Rizzoli.Narrativa.

    Devo ammettere che nonostante i miei pregiudizi iniziali (un ex sindaco romanziere?)il libro mi è molto piaciuto. I più importanti periodi storici italiani vissuti dalla famiglia Noi. Il romanzo inizia con Alfredo e Maria, vivono il periodo fascista, per continuare con i loro discendenti: il boom economico degli anni sessanta, il terremoto in Irpinia negli anni Ottanta, il terrorismo, e un ipotetico 2025 ... sarà perduta la memoria storica?
    Un romanzo intenso ed emozionante. Consigliato :)

    Link della recensione:
    http://caterinaarmentano.blogspot.it/2013/02/noi-di-walter-veltroni-con-questa_5.html

    RispondiElimina
  35. Ciao, sono Pina.
    Durante lo scorso mese ho letto LA STRADA FRANCESCA di Nino Casiglio.
    E' un romanzo molto interessante, quasi picaresco, ambientato nel meridione italiano.
    Un nipote (il picaro, appunto), segue lo zio nella sua fuga dall'Inquisizione in un viaggio pieno di sorprese dove la giustizia si scontra con il potere.
    Quasi attuale, direi.
    La storia si svolge in più ambienti: boschi, palazzi, castelli, carceri, così come appaiono tante figure diverse, ma tutte molto sagge.
    Mi è piaciuto perchè uno dei miei generi preferiti è proprio il romanzo picartesco, così pieno di avventure e di colpi di scena.
    Vi scrivo alcune citazioni tratte proprio da questo libro: "La verità è che in questo mondo tutto si connette con tutto" e "L'attesa può esser gradita quando è accompagnata dalla certezza che sarà soddisfatta".
    Ve lo consiglio!

    RispondiElimina
  36. io partecipo con piacere, spero mi metterai nella lista, ti posto qui le recensioni, visto che anobii non mi fa più vedere il mio profilo.....

    ecco qui i libri

    1)Recensione ‘Il tempo che credevo di aver perso’
    di Fabiola Gravina

    Un bellissimo libro che sfocia nelle vie impensate del cuore facendo riflettere l’anima. Un ritrovarsi di emozioni, timori, rimpianti e ricordi che la vita ci ripropone come denominatori comuni, familiari all’intera umanità.
    Un dolce-amaro percorso che la scrittrice riesce a farci sentire nostro. La storia di Giulia è anche la nostra. Quella sua profonda delusione alla vigilia delle nozze fa parte di quella nostra ingenua speranza che l’amore possa essere davvero unico ed eterno; il bisogno di fuggire dai fantasmi del passato e dai giudizi della gente ci fa assomigliare a lei, perché crediamo fermamente che la lontananza possa cancellare tutto, ma in verità il nostro destino ci insegue dappertutto; il desiderio di abbandonare anche la persona più cara, senza voltarsi un attimo indietro a pensare che potrebbe essere veramente l’ultima occasione per starle accanto. Tutti noi abbiamo vissuto in un modo o nell’altro queste vicissitudini: Giulia scappa dal suo amore, da sua madre e dal suo triste destino, poi esso però la riporta dove è nata e cresciuta. La vita gioca con le nostre emozioni, mettendoci alla prova sempre e comunque. La ragazza trova la lettera spedita da Marta, sua madre, appena prima di morire. Parole scritte in modo semplice che rivelano il sentore di una raggiunta serenità.
    Proprio in quell’istante, Giulia si accorgerà di essersi persa volontariamente un pezzo della sua vita e desidera subito scoprire veramente cosa si nasconda in quell’ultimo messaggio scritto dalla donna. Decide di tornare nuovamente a Perugia. Soltanto lì si renderà conto dei tanti sensi di colpa e dei piccoli e grandi errori compiuti durante la sua vita; rifletterà sul vero significato dell’esistenza, sull’improvvisa morte di sua madre e sulla considerazione che ha dell’amore,dopo la forte delusione provata. Da questo libro si evince come non si debba fuggire dai problemi, ma guardare in faccia le difficoltà, cercando di capire prima che sia troppo tardi, che le persone a noi care valgono più della nostra stessa vita. Dovremmo goderci ogni piccolo istante al loro fianco, riuscendo a recuperare ‘il tempo che credevamo di aver perso’.

    RispondiElimina
  37. 2)Dark Heaven - La carezza dell’angelo
    Di Bianca Leoni Capello
    Ancora una volta uno young-fantasy che ci affascina attraverso la trasposizione di una Venezia gotica e dalle trame infernali.
    Virginia, la protagonista, è alle prese con le problematiche quotidiane che qualsiasi adolescente può avere: una famiglia che sempre più spesso sente lontano da lei, una sorella troppo diversa dalla sua personalità, le due migliori amiche, con cui in seguito non mancheranno scontri e infine un fidanzato troppo ricco e snob. Certamente bello, ma per il quale da tempo non prova più quello strano sfarfallio nello stomaco.
    Ma ecco, arrivare l’affascinante Damien, angelo tentatore, colui che ha abbandonato l’Ordine dei Lucenti per gli Oscuri,scegliendo di seguire il dannato amore che lo unisce alla sua amata.
    In questo romanzo,che nasce da due mani esordienti, ci saranno stupendi flashback temporali che riporteranno l’antico profumo di epoche passate. Da un’odierna Venezia si passa ad una emblematica Palermo del XII secolo attraverso affascinanti visioni, che la protagonista continua ad avere a causa della vicina presenza di Damien. Per giunta, colui per cui prova amore e attrazione, è il suo nuovo prof di italiano! Il sentimento che li unisce attraverso i secoli e un’antica e intrigata storia permetterà loro di poter rimanere uniti? Oltre i pregiudizi della gente e soprattutto superando le antiche minacce, che la temibile diavolessa Amelia incombe su di loro? Un’ignobile creatura che ci mette così poco a catturare un’anima umana e farla sua. La sua cotta per Damien metterà in pericolo il rapporto fra i due protagonisti riscrivendo il sapore di una storia di altri tempi, ma che in fondo ritrova come denominatore comune la radice di un legame che ancora oggi muove il mondo.
    Ma per fortuna sulla Terra c’è sempre un angelo buono, che arriva a portare pace per difendere l’Universo dal Male.
    Descrizione quasi poetiche lanciano il lettore in una dimensione paranormale, facendolo sognare di essere veramente altrove.
    Bellissima e molto dark la copertina, che ritroverà il suo perché nella lettura del romanzo. Peccato che non venga messa in risalto la rossa e fiammante chioma di Virginia,come invece l’autore del quadro rappresenta! Ma per il resto, è tutto perfetto.
    Una trama che ha ancora bisogno di svilupparsi, ma che sicuramente ci porterà ad attendere con trepidazione il suo imminente seguito.

    RispondiElimina
  38. 3)‘Lasciami andare’ di Fulvia Degl’Innocenti

    Un libro davvero toccante dal punto di vista umano ed esistenziale, adatto a qualsiasi fascia d’età.
    Un percorso introspettivo e spirituale che attraversa il cuore di un’adolescente, mettendone a nudo la sua delicata anima.
    Eleonora,sedici anni, vive da sempre con il padre a Milano. Lui, grande lavoratore, emigrato da un piccolo paesino del Sud fino alla grande città per ritrovare se stesso o forse addirittura per proteggere sua figlia.
    Fra loro un rapporto contrastato fatto di silenzi e di inspiegabile distanza affettiva, il tutto celato dietro ad una prolungata assenza della verità.
    La protagonista è diversa dalle sue coetanee, molto lontana dallo stereotipo snob della classica ragazza di città. Lei ama sfogarsi con il suo sacco da Kick Boxing e vestire da ‘maschiaccio’, fregandosene dei giudizi altrui.
    Una sera, però nota la strana reazione di suo padre di fronte ad una notizia di cronaca nera data al telegiornale. Una rabbia feroce e improvvisa che lo rendono così estraneo agli occhi della figlia.
    Da quel momento, Eleonora decide di scavare in fondo al suo passato, alla storia della sua famiglia, per conoscere ciò che le è stato negato sapere sulla sospetta morte della madre, quando lei aveva pochi mesi di vita.
    Supportata dalla presenza del suo amico Pietro, intraprenderà un viaggio verso il paesino di origine dei suoi due genitori. In Basilicata, dove lei nacque e la storia della sua vita ebbe inizio.
    Lì, la ragazza troverà le risposte per scrivere il finale di un periodo fatto di dubbi e incomprensioni.
    Per ritrovare se stessa e il rapporto con il padre, per cui nutre un silenzioso ma profondo affetto, dovrà scoprire ciò che ne è veramente stato di sua madre, Marilina.
    Una donna speciale, ma che non è riuscita a ricoprire i tanti ruoli che la vita le ha proposto, ricercando nella morte l’unica soluzione per abbandonare le sue responsabilità.
    Un romanzo davvero originale, ben narrato e denso di quelle verità autentiche, a volte anche amare, che la società di oggi spesso ci presenta.
    Un buon insegnamento in lettura per ogni lettore curioso di scoprire un po’ se stesso e il rapporto genitori-figli. L’autrice ci insegna ancora una volta che la vita non è tutta ‘rose e fiori’, ma che alla fine l’unico mezzo per essere felici è quello di conoscere la verità.

    Recensioni forse un po' lunghe ma tutte create da me!
    un bacione a presto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo mi interessa molto, spero di leggerlo!

      Elimina
  39. scusa ma quindi posso aggiungere i libri che leggo solo una volta al mese??? Cioè se adesso ho finito un altro libro posso mettere la recensione subito o devo aspettare il primo marzo e metterlo insieme a tutti gli altri che leggerò??

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ovviamente no, puoi aggiornare tutte le volte che vuoi nel corso del mese.
      Ciao

      Elimina
  40. Aggiornamento con la quarta lettura.
    Ho letto Beautiful Sin - Part 01 di Violet Nightfall (pseudonimo). Il romanzo rappresenta la prima parte del primo volume che fa parte di una saga, Dark Watchers Saga ed è un urban fantasy con una mitologia ed un mondo Ithil molto particolare. Devo fare veramente i complimenti all'autrice per essere riuscita a creare qualcosa di originale in un mondo come il nostro pieno di vampiri innamorati xD Il romanzo mi è piaciuto.
    Potete leggere la recensione sul mio blog qui:
    http://cluburbanfantasy.blogspot.it/2013/02/recensione-beautiful-sin-part-01.html
    Inoltre vi segnalo il post dove aggiornerò con le letture di gennaio e febbraio.
    http://cluburbanfantasy.blogspot.it/2013/02/io-leggo-italiano-aggiornamento.html

    Alla prossima lettura :)

    RispondiElimina
  41. Ciao a tutti,
    oggi propongo un italianissimo noir:

    http://4ciaccole.blogspot.it/2013/02/il-rumore-discreto-della-nebbia.html

    Buona lettura
    Barbara

    RispondiElimina
  42. Ciao ecco il mio primo aggiornamento:

    1)Semina il vento-Alessandro Perissinotto***

    Lui scrive molto bene e la tematica (l'incontro e lo scontro tra due culture diverse) è quanto mai attuale e spinosa. Diciamo che alla fine non mi è piaciuto molto il punto di vista (nico) con il quale ha svolto la storia che non mi fa comprendere bene come una persona possa cambiare in maniera drastica!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il titolo mi intriga, me lo segno!

      Elimina
    2. E' davvero interessante e poi si legge bene!
      :)
      Nel frattempo ho terminato anche:
      2/10 Il cimitero di Praga-Umberto Eco***
      Mi aspettavo di più, devo dare atto ad Eco per il grande lavoro di documentazione che si percepisce dalla lettura del libro. La parte storica poi è davvero interessante, ma tutto troppo ingarbugliato per me.
      Eco rimane comunque un uomo di grande cultura.

      Elimina
  43. 3- Il bacio della morte Marta Palazzesi
    http://www.goodreads.com/review/show/528951290


    Aspettavo da tanto questo libro, ma è stata una totale delusione, una scopiazzatura della mia adorata saga L'accademia del Vampiro!!

    RispondiElimina
  44. Eccomi ad aggiornare la mia lettura italiana di febbraio, si tratta di "Blocco 11 - il bambino nazista" di Piero degli Antoni. Mi è piaciuto molto (4 stelline su 5) perchè pur parlando di un tema importante e su cui sono scritti migliaia di libri, lo fa in un modo che fa davvero venire la pelle d'oca. Un piccolo gioiellino insomma! Per la recensione completa, guardate nella mia libreria http://www.anobii.com/0134682f7fe228c140/books

    RispondiElimina
  45. Secondo libro letto e recensito:
    "Morire dal ridere" di Maria Antonietta Usardi
    http://storiedentrostorie.blogspot.it/2013/02/recensione-morire-dal-ridere-di-maria.html
    Leggero, spassoso, mi ha messo tanta allegria addosso. Lo consiglio vivamente! ^_^

    RispondiElimina
  46. Ciao a tutti,
    oggi propongo un fantasy un po' particolare:

    http://4ciaccole.blogspot.it/2013/02/il-mondo-di-orfeo.html

    Buona lettura a tutti.
    Barbara

    RispondiElimina
  47. Recensione L'ombra della Luna Laura Randazzo
    http://www.goodreads.com/review/show/527913871

    RispondiElimina
  48. Sono Aran
    1/10 "il cielo rubato" Andrea Camilleri ***** adoro Camilleri quando non scrive di Montalbano e questo libro come sempre mi ha lasciato a bocca aperta sul finale! poi ad una laureata in storia dell'arte non poteva di certo sfuggire un libro dedicato a un misterioso dipindo di Renoir!! meraviglioso davvero!!!! non scrivo di più se non ho paura di rovinare il finale a chi volesse leggerlo!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ho mai letto nulla di Camilleri ma vorrei provare per cui questo me lo segno!

      Elimina
  49. Ecco la mia prima recensione ^^
    Implosion di M.J. Heron
    http://www.goodreads.com/review/show/521403153

    Nonostante mi siano piaciute le idee alla base e lo stile, non mi ha convinta del tutto. Non male come esordio però :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo sto leggendo in questo momento! Non ho ancora capito cosa aspettarmi...

      Elimina
  50. Odyssea Amabile Giusti
    http://www.goodreads.com/review/show/536314156

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho visto che neppure a te è piaciuto! I nostri gusti coincidono sempre, io l'ho proprio abbandonato dopo 150 pagine... Pazienza

      Elimina
    2. Si coincidono i gusti!!! :)
      guarda una vera delusione questo libro, stavo per abbandonarlo anche io!! solo che non mi piace lasciare i libri a metà! ma ti giuro che è stata una tortura!!

      Elimina
    3. Si abbiamo stessi gusti!!!:)
      una vera delusione!! stavo per abbandonarlo anche io, solo che non mi piace lasciare libri a metà!! ma è stata una tortura!!

      Elimina
  51. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah dimenticavo è la mia seconda recensione ;)

      Elimina
    2. Oddio io solo per il titolo non lo avrei comprato ma hai ragione, servono anche quelle recensioni solo per staccare la spina ogni tanto!

      Elimina
    3. Non è affatto il mio genere di libro ahaha però sai ogni tanto soprattutto se sotto stress mi diverto.. sono simpatici.. tipo è molto carina Sophie Kinsella e Federica Bosco mi piace molto pure...

      Elimina
  52. da Merido brevemente due paroline sugli altri libri letti
    3) HO RUBATO LA PIOGGIA di Elisa Ruotolo
    i racconti non sono tra i miei generi preferiti
    troppo breve il tempo per poter entrare dentro la storia,sintonizzarsi con i personaggi,ricamare arabeschi che proseguono oltre la lettura
    questi tre racconti di Elisa Ruotolo fanno eccezione, mi hanno preso il cuore e la mente per la limpidezza, l'autenticità, la bellezza della scrittura
    4) DI TUTTE LE RICCHEZZE di Stefano Benni
    piaciuto molto e mi ha risollevato alquanto l'umore
    mi è piaciuto nel suo amore per gli animali che condivido in pieno e mi ha fatto sentire meno folle visto che anch'io dialogo con i miei gatti ;)
    mi è piaciuto per la tenerezza del ricordo di un'occasione perduta
    mi è piaciuto per la dignità nell'amore di un uomo che invecchia in quest'epoca di uomini ridicoli che non sanno invecchiare
    5) NESSUNO PUO' PORTARTI UN FIORE di Pino Cacucci
    fa da preludio al libro una poesia di Carlo Giuliani, un ribelle con "una testa e un cuore" così come i protagonisti di questo bel libro di memoria che, come dice lo stesso Cacucci, riporta alla luce vicende di donne e uomini che la storia ha dimenticato o trattato con superficialità, quando non maltrattato
    6) PER COSA SI UCCIDE di Gianni Biondillo
    noir metropolitano comsicomsa, interessante l'atmosfera milanese poco approfondito il noir,
    7) VERDERAME di Michele Mari
    un libro bellissimo, scrittura splendida che fonde il sacro col profano (alto italiano e dialetto ),trama avvincente,da leggere assolutamente :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "Verderame" sto cercando di procurarmelo perchè lo voglio leggere a brevissimo! Ci tengo, mi avete incuriosita troppo ^_^

      Elimina
  53. Ciao a tutti!
    Secondo aggiornamento personale:
    anche se in ritardo, rispetto alla sua uscita, ho letto TRE ATTI E DUE TEMPI di Giorgio Faletti.
    Tra i vari libri letti dell'attore-scrittore, quest'ultimo mi è piaciuto moltissimo e l'ho "divorato".
    Forse perchè mi piace lo sport e, in particolare, il calcio. Sta di fatto che si legge benissimo, scrittura semplice, pratica, scorrevole e piacevole!
    Il protagonista è Silvano, anzi Silver che è il suo soprannome. Ex galeotto, vive in una città di provincia italiana, simile a tante realtà da noi conosciute e qui lavora come magazziniere per una squadra di calcio di serie B. L'attaccante della stessa squadra è suo figlio, Roberto, detto Il Grinta, che non solo ha un rapporto molto conflittuale con il genitore, ma è intenzionato a commettere errori giganteschi (che non rivelo, altrimenti si perde il gusto di leggere!)e il padre cercherà di intervenire per redimere anche se stesso.
    I colpi di scena si susseguono, sembra quasi di leggere un vero thriller e ad ogni pagina si fanno i conti con temi attualissimi.
    Citazione: "E' sempre opportuno conoscere cose che di regola non si dovrebbero sapere. Specie quando si fa parte dello staff di una squadra di calcio".
    Ve lo consiglio!
    Terzo libro: L'ISOLA DELL'ANGELO CADUTO di Carlo Lucarelli.
    Siamo nel ventennio fascista e un giovane commissario viene trasferito in un'isola siciliana, molto piccola, originariamente nota come Capo dell'Angelo Caduto. Una leggenda, infatti, racconta della caduta di un angelo ribelle proprio in questo luogo che, ora, i fascisti utilizzano come Colonia Penale, estremo esilio per criminali ed oppositori del regime che non possono avere alcun rapporto con l'esterno.
    Il Commissario è un uomo in là negli anni, stanco dopo anni di lavoro su quest'isola fuori dal mondo vero e non vede l'ora di poter far ritorno a casa, assieme alla moglie stanca ed ammalata a causa della solitudine.
    All'improvviso, la tranquillità quotidiana viene scossa da due omicidi che si susseguono nel giro di poco tempo e sui quali il Commissario inizia ad indagare, sapendo di non potersi fidare di nessuno.
    Credo che questo sia uno dei migliori libri di Lucarelli, un giallo storico pieno di emozioni, tensioni ed inquietudini, dove il mistero la fa da padrone sino alla fine.
    Citazione: "Sono le brezze di mare e di monte, il ponente quando l'aria è dolce e il levante, che se è bagnato di pioggia in arrivo è come un secondo bacio, più intenso ed umido di saliva".
    Da leggere anche questo!
    Alla prossima!
    Pina

    RispondiElimina
  54. Riepilogo letture Gennaio- metà febbraio

    1) petali di sangue di emma k. Clarke
    http://stellenelliperuranio.blogspot.it/2013/01/recensione-petali-di-sangue-di-emma-k.html
    Un libro autopubblicato interessante per la relzaione tra uomini, vampiri, streghe e licantropi, solo il personaggio maschile un pò troppo lezioso. buone potenzialità

    2)Beautiful sin Part. 01 di Violet Nightfall
    http://stellenelliperuranio.blogspot.it/2013/01/recensione-beautiful-sin-part-01-di.html
    anche questo autopubblicato, un bel trhiller per il momento anche se essendo solo la prima parte del primo libro ancora non mi sono fatta un'idea chiara della storia

    3)Il lamento di Euridice di luana Semprini
    http://stellenelliperuranio.blogspot.it/2013/01/recensione-il-lamento-di-euridice-di.html
    romanzo breve che mi ha incollato alle pagine mi ha fatto innamorare dei protagonisti, molto psicologico e cupo.

    4)Implosion di M.J. Heron
    http://stellenelliperuranio.blogspot.it/2013/02/recensione-implosion-di-mj-heron.html
    La trama è interessante ma la storia d'amore non mi ha convinto molto, troppo veloce, affrettata, i personaggi principali non mi hanno convita pienamente

    5)Cristina di morval. il ritorno di Luana semprini
    http://stellenelliperuranio.blogspot.it/2013/02/recensione-cristina-di-morval-il.html
    Atmosfera e storia alla Fantaghirò, scritta con semplicità, adatto ai giovani lettori e per qualche ora di evasione

    6)Ti prego lasciati odiare di Anna Premoli
    http://stellenelliperuranio.blogspot.it/2013/02/recensione-ti-prego-lasciati-odiare-di.html
    Romantico e divertente, ti da esattamente quello che ti aspetti senza sorprese

    RispondiElimina
    Risposte
    1. il "Lamento di Euridice" mi sembra molto interessante...

      Elimina
  55. ecco il quarto libro

    'PACTUM VAMPIRI' di BARBARA RIBONI

    ‘Lei per me era l'Harmattan, il vento fresco del Sahara che portava sollievo nel deserto della mia esistenza, soffiava forte la vita nel mio corpo spazzando dalla pietra grigia della mia immortalità secoli di torpore, irradiando caleidoscopi di sensazioni e colori accecanti.’

    Una delle citazioni da custodire preziosamente di questo magico e meraviglioso romanzo. Un autrice emergente che sconvolge il cuore e l’anima con una storia sorprendente, ricca di nozioni folcloristiche, leggendarie di queste creature della notte, ma che è riuscita ad ambientare bene nell’antico periodo romano. Un’ambientazione storica ben strutturata e che difficilmente si prende in considerazione in una storia di vampiri.
    Trovo la copertina molto aggraziata e goticamente romantica. Posso dire, senza esagerare che considero la trama di questo magico capolavoro migliore della solita storia di Twilight romanzata e risentita più volte. Senza nulla togliere alla famosa autrice della saga, ma ho sentito mia la lettura delle vicende di questi protagonisti, e mi congratulo con la scrittrice per aver reso davvero realistica e piena di simbiosi narrativa la voce maschile che la racconta.
    Maximo Caio Domini, protagonista e voce narrante, ci fa godere delle sue impressioni, delle sue improvvise emozioni che vanno dal tormentato e profondo ‘io’ del suo essere vampiro alla magica e tenera consapevolezza di essersi finalmente innamorato dopo secoli di solitudine.
    Alice, una ragazza umana dolce e carina, la stessa persona che vuole salvare dall’infausto destino di una sicura morte il suo caro fratellino.
    Ed è proprio qui che Barbara Riboni ci fa entrare nel vivo della sua storia, rendendola unica da ogni altra saga vampiresca. Proprio per questo spero, essendo soltanto il suo primo romanzo, che ci regali al più presto un seguito. Una straordinaria saga da aggiungere alla leggenda di queste creature paranormali, le quali come ci insegna questo libro, non possiedono soltanto lati negativi, ma possono essere molto più simili a noi, di quanto lo crediamo. A volte, riuscendo ad essere anche molto più profondamente umani di noi stessi.
    In questo romanzo si uniscono due forti necessità che legheranno per sempre il mondo dei non-morti con quello dei vivi.
    Alice lotterà fino in fondo per salvare suo fratello, mentre lei stessa sarà l’ultima speranza per portare avanti la stirpe dei vampiri di Roma. Un altro punto a favore di questo romanzo è l’ambientazione italiana, leggendo accurate descrizioni che vanno da Roma alla Maiella.
    Una dolce e movimentata lettura che ci rende partecipi ancora una volta del fatto di quanto l’amore possa andare oltre la morte e ogni tipo di forma umana.

    Francesca Ghiribelli.

    RispondiElimina
  56. La discendente di Tiepole - Alessandra Paoloni

    http://www.goodreads.com/review/show/538744100

    RispondiElimina
  57. 2/10: il deserto dei tartari di Dino Buzzati. ****1/2 un bellissimo libro sulle attese con un finale davvero poetico,devo ammettere che è il suo primo libro che leggo ma non sarà certo l ultimo! Povero giovanni drogo! Dovevano ere solo 4 mesi e poi via con un certificato medico..

    RispondiElimina
  58. Ecco anche il mio aggiornamento :)

    1. CON GLI OCCHI CHIUSI - Federigo Tozzi ****

    Le vie, le mura, le case, il fiume, i prati... è questo il bello di questo romanzo. Impossibile non sentirsi proiettati in quei paesaggi così bene e dettagliatamente descritti.
    Il protagonista del romanzo è Pietro un ragazzo inquieto che vive la vita, come da titolo, con gli occhi chiusi, senza mai rendersi veramente conto di ciò che gli accade intorno e di come la bella Ghisola si approfitti di lui.
    Pietro è un po' in ognuno di noi.


    2. STORIA DI UNA CAPINERA - Giovanni Verga ****

    Mi sono accostata al racconto con grande pregiudizio, innanzitutto nei confronti di Verga per cui ho sempre provato un sentimento di repulsione che mi trascino dietro da tempi immemori. E i pregiudizi si sa sono duri a morire. E in secondo luogo per la forma epistolare del racconto che non rientra esattamente nelle mie forme di scrittura preferite.
    Ricordo il mio approccio con Verga, frequentavo ancora le scuole elementari e la mia immensa curiosità mi aveva spinta a prendere in prestito un libro di mia cugina contenente le "Novelle rusticane" dello scrittore. Il mio odio per Verga è nato quel giorno, un odio alimentato, poi, al liceo nel tentativo di leggere "I Malavoglia".
    Ma "Storia di una capinera" mi ha appassionata e se non fosse per la forma epistolare avrei dato a questo racconto, sicuramente, cinque stelline.
    La protagonista è Maria, questa povera ragazza che da bambina, in seguito alla morte della madre, viene rinchiusa in un convento, sperimenta, per la prima volta, le gioie della libertà, a causa del colera, dopo 12 anni di reclusione. Fin da subito si riconosce in lei una grande passione sopita e un grande orgoglio nell'essere donna forte, in una delle lettere che invia alla sua amica Marianna scrive così:
    "Giuditta si lamentava ad ogni momento di sentirsi stanca. Che donne son quelle, Marianna? Non sanno fare dieci passi senza aver bisogno del braccio di un uomo, e senza lasciare qualche brandello della veste ad ogni cespuglio! Benedetta la mia tonaca! Il signor Nino mi ha offerto venti volte il braccio, come se ne avessi bisogno io![...]"
    E' in quel breve periodo che passa nella casa paterna che conosce Nino, il figlio dei loro vicini di casa e se ne innamora, ricambiata.
    "[...]allorché egli mi prese per la mano... allorché mi passò il braccio attorno alla vita... mi sembrò che la sua mano ardesse, che mi bruciasse il sangue in tutte le vene, che mi facesse scorrere un'onda di gelo sino al cuore!... ma nello stesso tempo parvemi che mi confortasse. Il cuore mi si spezzava sentendo battere quell'altro cuore contro il mio!"
    Un amore che lei stenta a riconoscere e che poi ne uscirà fuori con tutta la forza necessaria portando Maria alla follia e poi alla morte in quel convento che l'aveva privata di tutte le gioie della vita.
    Insomma un Verga rivelatore per me, gli darò sicuramente un'altra possibilità.

    RispondiElimina
  59. Aggiorno le mie letture, ho letto:
    Tempo di fate di Mariachiara Cabrini
    Una raccolta di due racconti (non so se va bene non essedo propriamente un romanzo, in caso può non essere contato) con tema centrale le fate. Vi è qualche piccolo errore qua e là e devo dire che ho apprezzato di più il primo racconto (più avventuroso) rispetto al secondo (più paranormal romance per adulti).
    Trovate la mia recensione qui:
    http://cluburbanfantasy.blogspot.it/2013/02/recensione-tempo-di-fate.html

    Albion di Bianca Marconero
    Albion è un romanzo fantasy contemporaneo per ragazzi che ho avuto il piacere di poter leggere in anteprima e recensire, che mi ha colpito e mi è piaciuto parecchio. Oltre ad essere un po' fantasy, è soprattutto un romanzo di formazione, il cui protagonista Marco, da stronzo insensibile inizierà progressivamente a cambiare e a maturare. La storia è piena di personaggi interessanti, oltre a marco, Helena una ragazza dolcissima, Deacon il suo migliore amico, poi tanti altri. Il tutto ha come sfondo un college molto particolare in Svizzera, l'Albion. (Il romanzo esce l'8 di marzo e verrà presentato a Mantova Comics & Games per la prima volta). Naturalmente ho riscontrato anche qualche difetto, nessun romanzo è perfetto.
    Potete trovare la recensione qui:
    http://cluburbanfantasy.blogspot.it/2013/02/recensione-albion.html
    Alla prossima :)

    RispondiElimina
  60. Mi sembra che non ho aggiornato le mie letture, perciò lascio qui i link :
    1 - http://timoerosmarino.blogspot.ch/2013/02/50-gino-e-gina.html
    2 - http://timoerosmarino.blogspot.ch/2013/01/niente-mi-basta.html
    3 - http://timoerosmarino.blogspot.ch/2013/01/11-la-casa-dei-sette-ponti.html
    4 - http://timoerosmarino.blogspot.ch/2013/02/13-la-grande-casa.html
    5 - http://timoerosmarino.blogspot.ch/2013/02/18-lamore-rubato.html
    buone letture a tutti

    RispondiElimina
  61. Mio riepilogo di febbraio:
    5/10 Un mare di silenzio di Cristina Rava
    http://www.anobii.com/016da65d128e192052/books

    6/10 Nemmeno Dio di Claudio Gianini
    http://www.anobii.com/016da65d128e192052/books

    RispondiElimina
  62. rieccomi con il quinto libro

    Recensione di ‘BUIO ETERNO’
    di Alberto Manzoni




    Un autore lombardo emergente che merita di entrare nella rosa dei nuovi thriller psicologici all’italiana. Una storia che intriga pagina dopo pagina, scritta in maniera semplice ma davvero persuasiva e sorprendente.
    La sua bravura è stata quella di riuscire ad incentrare attraverso un giallo, finalmente scritto da una penna italiana, anche un argomento interiore che si nasconde nella vita dell’umanità tutti i giorni.
    Questa trama colma di personaggi tra loro molto diversi, che racchiudono le nostre debolezze e le nostre fragilità, hanno alla fine molte più cose in comune di quanto pensavamo.
    L’autore affronta temi odierni come traffico di sostanze stupefacenti e denaro investito per finanziare attività illecite. Sì, il denaro,il quale ancora continua ad essere il motivo fondamentale per poter togliere di mezzo chi è troppo scomodo. Proprio così questa storia ci fa riflettere, perché non possiamo chiudere questo libro e pensare che il lato marcio della società e della vita possano scomparire con questo romanzo. No, ‘il buio eterno’ resterà per sempre, anche se si nasconderà a lungo tempo dietro l’apparente sorriso e la normale andatura della nostra esistenza, all’improvviso salterà fuori dal suo nascondiglio e ci trascinerà nell’ombra insieme a lui.
    Buona descrizione dalle linee gotico-psicologiche che trasportano il lettore in uno stato di ansiosa aspettativa e nella terrificante consapevolezza di un mondo fatto sempre più di arrivismo e crudeltà.
    Una società in cui soltanto chi riesce a farsi mettere in mezzo, forse riuscirà a sopravvivere. Anche se alla fine arriva sempre il ‘buio eterno’ della nostra coscienza a farci pagare i nostri errori.
    Un tunnel pieno di orribili creature che accendono i rimorsi del nostro ‘io’.
    Un giallo a tinte nere, una storia pervasa dalla demoniaca convinzione che il male è sempre esistito e sarà sempre più arduo sconfiggerlo. Mi auguro che questo autore ci regali ancora altre emozioni libresche.

    Francesca Ghiribelli.

    RispondiElimina
  63. Rieccomi con una nuova recensione per questa sfida :)
    Ho recensito Il bacio della morte di Marta palazzesi qui!
    Purtroppo ho solo avuto conferma che era una copia spudorata di una saga che adoro... amen! Infondo mi ero preparata psicologicamente prima di leggerlo e l'ho letto proprio perchè volevo segnalare a mia volta la cosa sul mio blog :)

    RispondiElimina
  64. Eccomiiii arrivo anch'io!
    ho preferito accumulare i libri e postare un unico commento a ridosso di fine mese per non incasinarti le cose! :p
    allora, ho tre libri:
    Mangia che ti passa di Ongaro, l'ho letto per lavoro nel settore e mi piace scoprire cos'hanno da dire tutti questi libri divulgativi riguardo la nutrizione. Devo dire che ci sono molti spunti interessanti, la prima parte è più teorica e io ho trovato molti argomenti che approfondirò dal punto di vista scientifico, però non so se ai "non addetti a lavori" possa risultare un pò troppo tecnica. Nella seconda parte non ho scoperto nulla di nuovo però la ritengo più utile per chi si vuole approcciare ad un cambio di vita e non è del settore.
    Secondo libro: Romanzo Rosa della Bertola. Io adoro la Bertola e infatti la trama di questo libro è geniale! Prende in giro con ironia i clichè dei romanzi rosa, che in fondo in fondo sono tutti uguali, lo sappiamo ma ci piacciono lo stesso! Peccato per il finale "inesistente", mi sarei aspettata di più e ci sono rimasta male, come se fosse inconcluso...
    Terzo e ultimo libro del mese: Un amore di zitella di Vitali. E' il primo romanzo di questo autore che leggo, e la semplicità nel raccontare gli scorci di una provincia anni '40 mi ha fatto venire in mente una cartolina e la colonna sonora di Giuliano Palma; la trama non è nulla di che, in realtà come storia non mi ha lasciato nulla tranne la riflessione che l'ambiente di lavoro descritto si ritrova negli uffici di oggi 60 anni fa circa...

    Ieri sera ho iniziato Borgo Propizio ma lo completerò e recensirò penso nel prossimo mese quindi tornerò :)

    Sto seguendo su Anobii gli aggiornamenti, oltre che qui sul blog (così scopro più libri interessanti!) , ma lascio il mio commento solo qui! Spero sia sufficiente ;)

    Un bacio!
    *mezzaluna*
    mezzaluna86(AT)hotmail.it

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certo va benissimo!
      Di Vitali ho letto solo "Olive comprese" e mi è piaciuto moltissimo!
      La Bertola invece non l'ho mai letta, ma vorrei, qual'è il migliore? Mi ispira "A neve ferma".

      Elimina
    2. aspirapolvere di stelle mi è piaciuto moltissimo, e anche a neve ferma..in realtà finora quello che mi ha deluso di più è stato proprio romanzo rosa, davvero peccato per il finale >.<
      forse il mio preferito, però, è biscotti e sospetti!! ;)
      olive comprese lo metto tra i papabili da procurarmi, voglio ritentare con Vitali..grazie ^^

      Elimina
  65. Ecco qui tutti gli italiani letti ultimamente (con esclusione di "Troppo piombo" che ho già commentato)
    2 - Leggero il passo sul tatami - A. Pastore
    Aneddoti di vita vera dell'autrice durante i suoi sedici anni di vita in Giappone. Potevano essere degli spunti interessanti, ma non lo diventano quasi mai, alcuni di essi sono estremamente banali e sarebbero potuti accadere in qualsiasi parte del mondo (in primis quello della leggenda del fantasma) e comunque alla fine della lettura di quasi tutti il mio pensiero è sempre stato: "E quindi? Cosa mi volevi dire di più interessante di una chiacchierata al bar?"
    Comunque si legge bene, alla fine ho dato 3 stelline.
    3 - Il cavaliere e la morte - L. Sciascia
    Un romanzo cerebrale, di quelli che sarebbero piaciuti a Calvino, che parte con un omicidio e si va a diramare in riflessioni su morte, malattia, potere, vita e società. Sciascia è sempre un maestro, ma questo libro è troppo difficile per me, ci vuole più cultura per apprezzarlo come merita.
    (questi due sono stati commentati anche nella discussione su anobii)
    4) Gorilla Blues - Sandrone Dazieri.
    Amo molto i romanzi del Gorilla (portato sul grande schermo da Claudio Bisio): le storie di uno scalcagnato investigatore privato vegetariano e pacifista con un alter-ego (il Socio, lo chiama) determinato e che non guarda in faccia a nessuno. In questa storia si parte dalla sorveglianza ad un Luna-Park e si finisce al G8 di Genova, tra infiltrati e nazi-skin. Sono passati dieci anni da quei fatti, ma non bisogna dimenticare.

    RispondiElimina
  66. Il torto del soldato-Erri De Luca (finito)
    Questo è il secondo libro che leggo di de Luca e sinceramente ho capito che noi due, non andiamo d'accordo. La sua scrittura la trovo troppo pomposa, infarcita di retorica e di auto-compiacimento. Tre stelle!

    RispondiElimina
  67. Aggiungo ancora il link del libro "Se la casa é vuota" di Isabella Bossi Fedrigotti, finito a febbraio :
    http://timoerosmarino.blogspot.ch/2013/02/22-se-la-casa-e-vuota.html

    RispondiElimina
  68. 1 - L’amica geniale, Elena Ferrante
    2 – Esercizi sulla madre, Luigi R. Carrino
    3 - Amen, Ilaria Milandri
    4- Ischia, Gianni Mura
    5 - Hitler, Giuseppe Genna

    Tutte le mie recensioni potrete trovarle nella mia libreria anobii
    http://www.anobii.com/mari73/books
    quelle che mancano (libri 3 e 4) perchè devono essere prima pubblicate sul blog corpi freddi

    RispondiElimina
  69. Da ora in poi andate sul post di Marzo --> http://lafedelibrovora.blogspot.it/2013/03/sfida-di-lettura-io-leggo-italiano.html?showComment=1362151691944#c1491818348280760959

    anche per le letture fatte a febbraio, così non mi confondo e non mi perdo nulla.
    Ciao!

    RispondiElimina
  70. Io sono in super ritardo sia per gennaio che per febbraio. scrivo qui
    per gennaio le mie letture sono state
    ANTONIO DE PASCALE, LA MANUTENZIONE DEGLI AFFETTI
    non amo molto i racconti, ma questo libro non è male.
    MARGARET MAZZANTINI, MARE AL MATTINO una delicata fiaba che intreccia due storie. l'ho apprezzato molto.
    SILVIA AVALLONE, ACCIAIO scritto bene, ma la storia mi ha lasciato l'amaro in bocca per il suo finale un po' scontato.
    ELEONORA MAZZONI, LE DIFETTOSE una scoperta! un libro meraviglioso sulle donne difettose, desiderose di maternità. storia a tratti divertente
    http://mygardencherries.blogspot.it/2013/01/letture-italiane.html

    Per il mese di febbraio ho letto
    ANILDA IBRAHIMI, ROSSO COME SPOSA e L'AMORE E GLI STRACCI DEL TEMPO.
    Entrambi mi sono piaciuti. il primo è una saga familiare ambientata in Albania e popolata dalla forte personalità
    il secondo narra la storia d'amore di due giovani di etnie diverse ai tempi della guerra in kosovo.
    Anilda Ibraihimi è albanese ma scrive in italiano.
    http://mygardencherries.blogspot.it/2013/02/a-sud-est_27.html

    RispondiElimina
  71. La mia lettura di febbraio:
    http://caterinaarmentano.blogspot.it/2013/03/se-questo-e-un-uomo-di-primo-levi-con.html

    "Se questo è un uomo" di Primo Levi. Credo non abbia bisogno di presentazioni. Un libro - documento in cui l'autore descrive la sua deportazione in Polonia e la non - vita dei non- uomini in una realtà che supera i film d'horror. Un romanzo che bisogna leggere per conoscere la verità e per non dimenticare.

    RispondiElimina
  72. Ciao a tutti,
    ho terminato il primo libro (quindi credo che andrebbe messo in gennaio).
    Vi lascio il link della sezione che ho creato nel mio blog.
    baci.
    http://tramestiointeriore.blogspot.it/p/io-leggo-italiano-sfida.html

    RispondiElimina
  73. Come ho scritto nel post della sfida, in questo mese di marzo ho letto e recensito Borgo Propizio (http://www.anobii.com/0134682f7fe228c140/books?searchType=1&itemIdFade=01689593ec93a9c437)

    RispondiElimina
  74. Ciao sono Alessia di Tramestiointeriore ti lascio un'altra recensione, sempre di Baricco. http://tramestiointeriore.blogspot.it/2013/04/senza-sangue-alessandro-baricco.html. saluti a tutti i lettori.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao, non mi risulta che tu ne abbia letti altri per questa sfida di Baricco o sbaglio?
      Comunque gli autori devono essere tutti diversi, quindi se ne leggessi altri di Baricco (o di autori già letti per questa sfida) non varrebbero.
      Ciao!

      Elimina
    2. p.s. per gli aggiornamenti di aprile scrivi qua --> http://lafedelibrovora.blogspot.it/2013/04/sfida-di-lettura-io-leggo-italiano.html
      Apro una discussione nuova ogni mese

      Elimina
  75. Durante questi mesi (dall'estate scorsa ad oggi) ho letto ed analizzato differenti libri della letteratura italiana e vorrei partecipare a questa tua bella iniziativa. Inserisco i link del mio blog dedicato al mondo della lettura (che sto risistemando con pagine dedicate ed in modo più razionale)
    http://letturesenzatempo.blogspot.it/search/label/Romanzo%20Finzi%20Contini
    http://letturesenzatempo.blogspot.it/2013/05/venerdi-del-libro-rodari-e-le-risposte.html
    http://letturesenzatempo.blogspot.it/2013/05/un-poeta-scrittore-dolce-erri-de-luca.html
    http://letturesenzatempo.blogspot.it/2013/04/mo-te-lo-spiego-papa-manuale-semiserio.html
    http://letturesenzatempo.blogspot.it/2012/09/risotto-marinaro-ed-il-romanzo-di.html
    http://letturesenzatempo.blogspot.it/2012/09/piantate-un-giardino-e-prendetevene_1.html
    http://letturesenzatempo.blogspot.it/2012/08/30-luglio-2012-misteri-crimini-e.html
    Ora inseriro il tuo banner e preparerò un post apposito
    saluti
    simonetta

    RispondiElimina
  76. @Simonetta

    è un gran piacere averti tra i partecipanti! Di certo potremmo trarre spunto dalle tue letture! Purtroppo da regolamento saranno validi per la sfida solo i libri che leggerai dal giorno dell'iscrizione in poi. Ma hai ancora tutto il tempo per recuperare!
    Buone letture!

    RispondiElimina