mercoledì 23 maggio 2012

Recensione: "Cercando Alaska" di John Green

Mi sono innamorata, mettiamolo subito in chiaro...




Titolo: Cercando Alaska
Titolo originale: Looking for Alaska
Autore: John Green
Prezzo: 14,00€
Pagine: 344
Data di pubblicazione: gennaio 2006
Editore: Rizzoli Editore
Collana: Oltre
Scheda aNobii del libro: 
Voto in stelline: 4 stelline e 1/2





Trama:

Miles Halter, sedici anni, colto e introverso, comincia a frequentare un'esclusiva prep school dell'Alabama. Qui lega subito con Chip, povero e brillantissimo, ammesso alla scuola grazie a una borsa di studio, e con Alaska Young, divertente, sexy, attraente, avventurosa studentessa di cui tutti sono innamorati. Insieme bevono, fumano, stanno svegli la notte e inventano scherzi brillanti e complicati. Ma Miles non ci mette molto a capire che Alaska è infelice. E quando lei muore schiantandosi in auto vuole sapere perché. È stato davvero un incidente? O Alaska ha cercato la morte?

cosa penso del libro:

Questo libro è meraviglioso, questo autore è un genio. Io potrei anche finirla qui la recensione, e chiunque non si fiondasse a leggere il romanzo... peggio per lui, io lo avevo avvertito!
Per questa volta sarò gentile e mi dilungherò un pochino di più a spiegare cosa rende il libro imperdibile...
Innanzi tutto, il protagonista: è, come diremmo qui da noi, uno sfigato. Non ha amici, è bravo a scuola e nessuno se lo fila, ma non fa assolutamente una tragedia di tutto questo! E' anzi piuttosto rassegnato, sa che le cose cambieranno quando sarà adulto e nel presente non si dispera. Ma allo stesso tempo non si adagia, ed essendo stato accettato in una scuola per intelligentoni come lui, si prepara al trasferimento. Una volta lì si comporta come farebbe ogni normale ragazzo timido (me compresa) ovvero fantastica. Spera che gli altri gli rivolgano la parola, perchè se non lo faranno lui non sarà mai in grado di proporsi per primo, e finirà solo come nella vecchia scuola. Il cielo lo assiste e il suo compagno di stanza lo prende da subito sotto la sua (ruvida) ala protettrice.
E a questo punto entra in gioco il secondo punto forte del libro, il Colonnello, il compagno di stanza di Miles (il protagonista). Basso e tarchiato, fedele e leale, ironico e brillante. E' un personaggio davvero ben costruito, è profondo nei suoi ragionamenti, è capace di sentimenti molto intensi ma, da buon adolescente maschio, ogni tanto si chiude in se stesso o se ne esce con qualche frase poco carina.
Infine c'è Alaska, la personificazione della "lunaticità". Una ragazza che ha fatto del suo umore ballerino il suo punto di forza, che amplifica le sue reazioni e emozioni in maniera a dir poco esagerata allo scopo di sfidare l'autorità e la pazienza altrui. Sembra che voglia continuamente testare la sua influenza sugli altri, che sia alla continua e disperata ricerca di attenzioni e di conferme. A lei tutto è perdonato perchè è fatta così, ed è deliziosa.
Lo stile è unico e pazzesco. Il protagonista e narratore è divertente, spigliato e coinvolgente. C'è molta satira, e anche dell'umorismo nero. A questo si uniscono delle vere perle di saggezza (il protagonista "colleziona" le ultime parole dei personaggi celebri, e se ne possono leggere parecchie nel corso del romanzo) e molti spunti di riflessione sul dolore, sulla morte e sul perdono. Il tutto affrontato con la disperazione e insieme la forza d'animo tipiche degli adolescenti.
Un libro super consigliato a tutti.

Giudizio finale espresso con una bocca affamata:

Possiedo una collezione di bocche abbastanza vasta, non so neanche spiegarmi in perchè, semplicemente mi piacevano e le ho salvate in una cartella. Comunque dato che, com'è ovvio, non ho mai avuto occasione di utilizzarle, ma le trovo tutt'ora molto belle ed espressive, ho pensato che potessero tornar utili per sintetizzare il mio pensiero sul singolo libro. Ci provo!
La bocca adatta per "Cercando Alaska" è questa: 


Bocca dedicata ad una delle frasi/simbolo del libro, pronunciata dalla bella e pazza Alaska, che con poche parole esprime tutto il suo essere, il suo modo di vivere e di intendere la vita. Le pronuncia con fare scherzoso, ma forse non del tutto:
<< Voialtri fumate per il gusto, io fumo per ammazzarmi >>.


E con questo è tutto!
Ovviamente sono curiosissima di leggere le opinioni di tutti!

Avete letto questo libro? Cosa ne pensate? Lo avete in wish list?

Come sapete ho abolito le captcha, quelle fastidiose parole chiave che bisogna inserire quando si lascia un commento, quindi farmi sapere la vostra opinione non vi richiederà che pochi secondi!

Ciao ^_^

17 commenti:

  1. Felice che sia piaciuto anche a te ♥___♥

    RispondiElimina
  2. ce l'ho... ora mi hai messo una curiosità di leggerlo...!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. hihihihihihi sono malefica ^_^

      leggggilo leggggiloo leggggggggiloooooooo!!!!

      Elimina
  3. Ho questo libro nella wishlist da molto tempo (credo anni!) e proprio pochi giorni fa ho notato che sulla "lista desideri" di IBS è comparso l'avviso di momentanea indisponibilità. Mi è dispiaciuto perchè, sin dal primo momento in cui lessi la trama, la storia suscitò in me una grandissima curiosità.
    Spero di riuscire a recuperarlo al più presto: sento di essermi persa qualcosa di grosso!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La trama è carina ma niente di sconvolgente, sono i personaggi e lo stile dell'autore a renderlo imperdibile! Fa come me, prendilo in biblioteca! Penso che non sia difficile trovarlo lì, è quasi un classico per ragazzi...
      Ovviamente se lo troverò usato dovrò comprarlo, è stato veramente un'ottima lettura.

      Elimina
  4. Non ho sentito mai parlare di questo libro -.-'
    la tua recensione mi ha incuriosita!!
    hai ragione!la trama non è un granché!!!

    RispondiElimina
  5. Brave, leggetelo tutte e poi mi direte! (e poi presento il conto alla Rizzoli :)

    RispondiElimina
  6. Bella recensione, come sempre :)
    Lo leggerò presto, mi hai convinto!

    RispondiElimina
  7. Lo voglio *_* Non m'interessano i libri dalla trama complicata, solitamente m'innamoro dello stile dell'autore che ti fa amare anche le cose più semplici! Sembra il libro giusto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Concordo, se devo scegliere tra stile e trama scelgo lo stile! Uno stile personale e accattivante riesce a valorizzare anche la trama più semplice. Mi sa che abbiamo proprio gli stessi gusti!

      Elimina
  8. Sulle frasi del di questo bel libro vorrei ricordare l'ultima pagina del libro stesso, ovviamente non scrivo nulla per non "Spoilerare" però trovo che sia centrale e che dia il senso al titolo stesso "Cercando Alaska".

    RispondiElimina
  9. Se posso dopo aver dato un'occhiata alle tue recensioni ti consiglierei (Se non l'hai già fatto) di leggere "Nauf.Super" di Erlend Loe, magari fa passare un po di tempo anche qui perchè le tematiche sono simili a quelle di "Cercando Alaska" anche se la storia è molto diversa.

    RispondiElimina
  10. Correggo il titolo sopra è "Naif.super"...Pardon!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per il consiglio, non ho mai sentito nominare questo libro per cui me lo devo segnare e vedere se lo trovo in biblioteca. Grazie!

      Elimina
  11. Naif.super è edito da Iperborea, forse farai fatica a trovarlo in biblioteca perchè lo scrittore norvegese non è famosissimo ed ha scritto per lo più favole per bambini.
    Spero ti piaccia e magari dopo potresti farne una recensione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se lo leggerò lo recensirò senz'altro!

      Elimina